Posted on

Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Se apriamo un qualsivoglia vocabolario della lingua italiana ─ il Treccani, per esempio ─ al lemma “germanismo” possiamo leggere: «In linguistica, parola, locuzione o costrutto peculiari di una lingua germanica, considerati in sé o in quanto introdotti in un’altra lingua».  Con il termine “germanismo”, insomma,  si intende – in linguistica – ogni parola o locuzione tedesca (o di origine germanica) entrata a pieno titolo nella lingua di Dante – solitamente con modificazione della pronuncia e della grafia, “rispettando”, cosí, i sistemi grafici e fonetici del nostro idioma.

   I “teutonicismi”  dunque ─  ci sia consentito questo neologismo attestato, con nostra sorpresa, in numerose pubblicazioni ─  presenti nel nostro linguaggio corrente si possono dividere in due gruppi: 1) germanismi antichi (quelli entrati nel nostro idioma durante le invasioni barbariche);  2) germanismi moderni (quelli entrati nella nostra lingua in seguito ai rapporti politico-culturali intercorsi fra le regioni germaniche e il nostro Paese, dal secolo XIV al XX). 

   Fra i germanismi antichi “fanno spicco”: termini militari (elmo, guardia, guerra, bando, albergo, strale, sgherro, sguattero); termini di parti del corpo umano (guancia, anca, milza, stinco, schiena, nocca); nomi di colori (grigio, bianco, bruno, biondo); vocaboli vari (guercio, schermo, sghembo, palla, melma, schietto, zolla, zazzera, snello, spaccare, bara, arraffare, grinta, strofinare, spruzzare, stormire, recare); termini dell’arredamento, di utensili domestici, della casa (sapone, scaffale, sala, stalla, panca, nastro, spola, scranna, stamberga, vanga, stecca, lesina, roba, rocca). 

   Tra i germanismi moderni fanno la parte del leone quelli entrati nel secolo XX: voci culturali (psicanalisi, hinterland, plusvalore); termini gastronomici (crauti, strudel, gulasch, wurstel); voci politico-militari (lager, panzer, fuhrer). Nei secoli precedenti si possono “contare” solo voci isolate, come piffero, alabarda, borgomastro, brindisi, cobalto, feldspato, valzer.

A cura di Fausto Raso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.