Posted on

Il decreto rilancio (Decreto Legge n.34/2020), allo scopo di supportare un settore molto provato a causa dell’emergenza Covid 19, quale quello del comparto del Turismo e di dare un sostegno alla famiglie – che potrebbero avere difficoltà a spendere soldi per le vacanze, quest’anno- , ha previsto (all’art. 176) un incentivo, c.d. TAX CREDIT VACANZE,  di cui è possibile usufruire per una vacanza in Italia, dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.

Il bonus consiste in un contributo fino a 500,00 euro, spettante a condizione che si rientri nella fascia dei redditi ISEE non superiore a 40.000,00 euro, con importo variabile in base alla composizione del nucleo familiare:

  • 500 euro per le famiglie composte da più di 2 persone;
  • 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone;
  • 150 euro per i nuclei composti da una sola persona.

Può essere utilizzato da un solo componente per nucleo familiare, indipendentemente dal numero di persone che fruiscono della vacanza.

Dove può essere utilizzato il bonus?

Per i servizi offerti dalle imprese turistico recettive (hotel, bed&breakfast, campeggi; agriturismo; villaggi vacanze) in possesso dei titoli prescritti dalle norme nazionali e regionali per lo svolgimento dell’attività turistico ricettiva.

Come si richiede?

Occorre essere in possesso dell’identità digitale SPID e scaricare un’apposita APP. Effettuato il download dell’applicazione, bisognerà registrarsi e scaricare un codice, QR-Code, da usare nelle strutture ricettive aderenti.

Come funziona il bonus?

In bonus è fruibile per l’80% sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura turistico ricettiva, per il 20% in forma di detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi.

Le spese devono essere sostenute in un’unica soluzione (con unica fattura) presso una singola struttura turistico ricettiva. Il totale del corrispettivo deve essere documentato da fattura o documento commerciale ai sensi dell’art. 2 D.lgs 127/2015, in cui deve essere indicato il codice fiscale del soggetto che fruisce del credito.

Inoltre, il pagamento del servizio deve avvenire senza l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator.

In attesta della conversione in legge del decreto legge n.34/2020 (con eventuali modifiche), con provvedimento del 17 giugno 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito le disposizioni da seguire per richiedere ed utilizzare il Bonus (il testo del provvedimento è disponibile qui) Di seguito i passaggi essenziali:

  • L’agevolazione (nel periodo compreso tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2020) può essere richiesta esclusivamente in forma digitale. Pertanto, un componente del nucleo familiare deve essere in possesso di un’identità digitale SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale (qui per richiederla) o della Carta d’Identità Elettronica (qui per sapere come attivarla).
  • Il componente del nucleo familiare richiedente deve installare ed effettuare l’accesso all’applicazione per smartphone denominata IO, l’app dei servizi pubblici, resa disponibile gratuitamente da PagoPA Spa (qui per accedervi).
  • Al primo accesso, dopo l’autenticazione con SPID o Carta d’Identita Elettonica, viene richiesto all’utente di impostare un codice di sblocco (PIN) ed eventualmente una delle funzionalità di riconoscimento biometrico (impronta digitale o riconoscimento del volto) disponibile sul proprio dispositivo. Dopo la prima registrazione, l’utente può accedere all’app IO direttamente digitando il PIN da lui scelto o tramite riconoscimento biometrico.
  • Per inoltrare la richiesta del Bonus occorre accedere alla specifica funzione disponibile nella sezione “Pagamenti” dell’app e seguire i passaggi richiesti.
  • Attraverso un servizio di collegamento con la banca dati dell’Inps, l’app IO verifica che l’istante sia in possesso di un reddito ISEE in corso di validità (ordinario o corrente) non superiore a 40.000 euro e comunica al richiedente l’esito del riscontro, con un messaggio in app. Se dalla verifica emerge che non risulta presentata una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) in corso di validità, il richiedente viene informato della necessità di presentare la relativa DSU e, una volta effettuato tale adempimento, di ripresentare la richiesta di accesso al bonus.
  • Se il richiedente sia risultato idoneo a ricevere il bonus vacanze, dopo aver visualizzato l’anteprima del contributo, può confermare la sua richiesta e attendere che l’app IO comunichi l’attivazione del bonus.
  • Dopo la conferma dell’attivazione del bonus vacanze attribuito al nucleo familiare, il richiedente e gli altri beneficiari che hanno già installato l’app IO possono visualizzarlo immediatamente nella sezione “Pagamenti”.
  • Il Bonus attribuito al nucleo familiare sarà identificato da un codice univoco, a cui sarà associato anche un QR code (che si legge direttamente dallo schermo del cellulare), che l’app comunica al richiedente unitamente all’importo del bonus spettante (con specifica indicazione dello sconto e della detrazione). Attraverso la funzione Condividi (presente nella schermata di riepilogo del Bonus), l’app crea una copia del codice univoco e del relativo QR-code che il richiedente può inoltrare (come immagine) ai componenti del nucleo familiare che non hanno accesso all’app.
  • Per utilizzare il bonus basta comunicare all’albergatore/fornitore il codice univoco assegnato o, in alternativa, esibire il QR code, insieme al codice fiscale, al momento del pagamento del soggiorno presso la struttura ricettiva.
  • Il Bonus deve essere speso in un’unica soluzione e può essere utilizzato da un membro qualunque della famiglia beneficiaria.

Erminia Acri-Avvocato

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *