Posted on

Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Quest’espressione di tradizione prettamente popolare – forse poco conosciuta – ci sembra chiarissima. Si dice, infatti, delle persone che, il mattino, si alzano di pessimo umore e sono, quindi, intrattabili, irritabili. 
La locuzione si rifà all’immagine di coloro che, nei tempi andati, erano soliti dormire con la cuffia in testa e per via di un sonno agitato e pieno di incubi andava loro di traverso; quando si svegliavano, per tanto, erano di pessimo umore per la cattiva nottata trascorsa.

Il modo di dire si riferisce anche alle persone che – nella mattinata – incorrono in una serie di contrattempi: lasciami stare, questa mattina la sveglia non ha sonato, l’automobile non mi è partita e ho perso l’autobus! Si adopera anche nella variante “svegliarsi con la cuffia storta”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *