Posted on

Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Speriamo che l’anno che se n’è andato abbia portato con sé anche qualche strafalcione o alcune “imperfezioni grammaticali” che gli amanti della buona lingua devono assolutamente evitare.

Cominciamo con il verbo “tenere” adoperato, il piú delle volte, con il significato di “possedere”, “avere”.

Tale uso è da evitare essendo di… uso prettamente dialettale. Il significato proprio del verbo suddetto è “sostenere”. Non si dica, per tanto, “tengo una bella casa”, ma “possiedo una bella casa”. Da evitare anche – se si vuole scrivere e parlar bene – la locuzione “tenere il letto” nel senso di “stare, rimanere a letto”.

Il verbo tenere, inoltre, non è sinonimo – come molti erroneamente credono – dei verbi “reputare”, “stimare”, “giudicare” e simili. Le espressioni comuni, quindi, “tenere in molto o poco conto”; “tenere in molta o poca considerazione” una persona sono da gettare decisamente alle ortiche (se l’anno vecchio non le ha portate con sé).

Sí, sappiamo benissimo che molte “grandi firme” le adoperano a ogni piè sospinto, ma sappiamo anche altrettanto bene che costoro, non tutte, per la verità, usano la lingua a loro piacimento: non rispettano assolutamente le elementari norme grammaticali. Voi, amici che amate la lingua, non seguite questi esempi negativi. Non adoperate – come abbiamo letto in una cosí detta grande firma della carta stampata, che non menzioniamo per carità di patria – il verbo tenere nelle accezioni di: “importare”, “desiderare”, “volere”, “premere” e simili. Sono tutte forme dialettali e, di conseguenza, orrendamente scorrette.

Ancora. Il verbo “marcare”, che etimologicamente vale “segnare, contrassegnare con un marchio, bollare”, non si può adoperare – sempre che si voglia scrivere e parlare correttamente – come sinonimo di “annotare”, “prendere nota”, “registrare” o con il significato, obbrobrioso, di “rimarcare con la voce”. In questi casi ci sono altri verbi che fanno alla bisogna: caricare, accentuare, rafforzare.

E finiamo con l’aggettivo “marrone” che non si deve mai pluralizzare. Diremo correttamente: guanti marrone, scarpe marrone, pantaloni marrone (non “marroni”) ecc. Perché non si pluralizza? Perché si sottintende “del colore del marrone” (cioè del frutto del castagno): guanti (del colore del) marrone.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *