Posted on

“Egr. avvocato, vorrei porle un quesito: nel caso di morte di un dipendente statale in attività di servizio, chi sono gli eredi che possono ottenere l’indennità di buonuscita? In attesa di riscontro, la ringrazio. G. L.”

L’indennità di buonuscita è una somma di denaro spettante ai lavoratori iscritti al fondo di previdenza per i dipendenti civili e militari dello Stato, con almeno un anno di iscrizione, quando ha termine il servizio.

Il DPR 1032/1973 (Testo unico delle norme sulle prestazioni previdenziali a favore dei dipendenti civili e militari dello Stato), all’articolo 5, comma 1 prevede, per l’ipotesi di morte del dipendente statale in attività di servizio, che l’indennità di buonuscita sia corrisposta, nella stessa misura che sarebbe spettata al dipendente, nell’ordine:

– al coniuge superstite;

– agli orfani;

– ai genitori;

– ai fratelli e sorelle, se vivevano a carico dell’iscritto.

In mancanza delle persone indicate dall’articolo 5, primo comma, l’indennità viene attribuita secondo le norme della successione “mortis causa“, sia testamentaria che legittima.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *