Posted on

“Ho letto su un giornale che molte coppie italiane vanno in altri Paesi dell’Unione Europea, in particolare in Romania, per divorziare e che lì la causa è più veloce che in Italia e costa meno. Vorrei sapere se poi la sentenza di divorzio è valida in Italia. Grazie C. S.”

In base a dati statistici, circa il 30% per cento delle coppie italiane che divorziano all’estero vanno in Romania, e il numero è in continua crescita. Per avviare la causa davanti al tribunale civile romeno occorre avere la residenza in quel Paese e la procedura, generalmente, si conclude in qualche mese.

La legge n.218/1995 disciplina , tra l’altro, l’efficacia delle sentenze straniere, prevedendo il riconoscimento e la registrazione in Italia della sentenza straniera di separazione e di divorzio, previo controllo della competenza del giudice straniero e del rispetto delle regole del contraddittorio nel procedimento estero.

Per quanto riguarda i paesi dell’Unione Europea, il regolamento del Consiglio Europeo n. 44/2001 prevede la possibilità di pronunciare una sentenza di divorzio da parte di qualunque tribunale dell’Unione a condizione che la coppia sia stabilmente residente in quel Paese da almeno 6 mesi.

Pertanto, la sentenza di divorzio pronunciata all’estero è valida, ma con riferimento al caso prospettato, occorre tenere presente che le autorità competenti faranno controlli sempre più severi sulle eventuali residenze fittizie all’estero dei due coniugi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.