Posted on

Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Si presti attenzione, quando si scrive, al corretto uso del pronome riflessivo sé: spesso si adopera, erroneamente, “lui” (“loro”)  in luogo di “sé” e viceversa. Come di consueto pilucchiamo qua e là tra le varie pubblicazioni. In parentesi il pronome “giusto”.

I critici, che trovano a ridire su tutto, dovrebbero, piuttosto, badare a loro (sé), perché non sono affatto perfetti; le mamme sono particolarmente felici quando i loro pargoletti cominciano a mangiare da loro (sé); le persone ambiziose vorrebbero che il mondo intero parlasse continuamente di sé (loro); se i banditi ci assalissero troverebbero davanti a loro (sé) dei  “soldati” invincibili; tutti i genitori, piú che per loro (sé), desiderano tutto il bene per i loro figli; Giuseppe fu molto contento nell’apprendere che tutti parlarono bene di sé (lui); Luigi è un curioso tipo di avaro: avaro per lui (sé), ma non per i suoi cari, ai quali non fa mancare tutto il necessario, perfino il superfluo; il celebre cantante ha con lui (sé) ottimi collaboratori.

A cura di Fausto Raso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.