Posted on

Salve, sono divorziata da 6 anni con due figli minorenni. All’epoca del divorzio, a me era stata attribuita la casa familiare, di proprietà del mio ex marito (i figli abitavano e abitano con me). Sto per sposarmi di nuovo: ho diritto a restare nella casa familiare, dove verrebbe a vivere il mio secondo marito?”

La disciplina del codice civile prevede che l’adozione del provvedimento di assegnazione della casa coniugale è subordinato alla presenza di figli, minorenni o maggiorenni non autosufficienti conviventi con i coniugi, ed è irrilevante il titolo che giustifica la disponibilità della casa familiare (diritto di godimento o diritto reale), spettante ad uno dei coniugi o ad entrambi.

In particolare, l’articolo n.337 sexies cod. civ, . stabilisce che << Il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell’interesse dei figli. Dell’assegnazione il giudice tiene conto nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerato l’eventuale titolo di proprietà. Il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l’assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. Il provvedimento di assegnazione e quello di revoca sono trascrivibili e opponibili a terzi ai sensi dell’articolo 2643.

 In presenza di figli minori, ciascuno dei genitori è obbligato a comunicare all’altro, entro il termine perentorio di trenta giorni, l’avvenuto cambiamento di residenza o di domicilio. La mancata comunicazione obbliga al risarcimento del danno eventualmente verificatosi a carico del coniuge o dei figli per la difficoltà di reperire il soggetto.>>

Come affermato in più occasioni dalla giurisprudenza (Corte Costituzionale, Sentenza 30 luglio 2008 n. 308; Corte di Cassazione, Sentenza 15.07.2014 n. 16171), non solo l’assegnazione della casa familiare, ma anche la cessazione della stessa è subordinata all’accertamento giudiziale di nessun nocumento ad alcun interesse dei figli, sicchè, la revoca dell’ assegnazione della casa non deriva automaticamente da un nuovo matrimonio o di una convivenza di fatto da parte del genitore affidatario o domiciliatario, ma dall’accertamento che la perdita del beneficio non sia lesiva degli interessi della prole.

Pertanto, la revoca del provvedimento di assegnazione della casa familiare nei confronti dell’ex coniuge, convivente con i figli minori, dopo le nuove nozze e l’instaurarsi della convivenza con il nuovo coniuge nella casa di proprietà dell’ex partner, può intervenire solo ove risulti conforme all’interesse dei minori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.