Posted on

“Quale differenza c’è fra figli naturali, nati da una convivenza, e figli nati durante il matrimonio, sul patrimonio ereditario del genitore? F. S.”

Figli legittimi sono quelli nati all’interno di un matrimonio, figli naturali sono i figli nati al di fuori del matrimonio, che possono essere riconosciuti dai genitori -o da uno di essi- oppure non riconosciuti.

Sotto diversi profili sono trattati diversamente i figli nati fuori del matrimonio rispetto ai figli legittimi, ma questa differenza non ha influenza sulla successione.

Infatti, secondo la disposizione dell’art.566 del codice civile, i figli legittimi ed i figli naturali, alla morte dei genitori, ereditano in parti uguali.

Però v’è una norma, l’articolo 537 del codice civile, secondo cui i figli legittimi possono soddisfare in denaro o in beni immobili ereditari la porzione spettante ai figli naturali, che non vi si oppongano. Nel caso di opposizione decide il giudice, valutate le circostanze personali e patrimoniali.

Una disciplina diversa è prevista per i figli naturali non riconoscibili – ossia i figli incestuosi -, ai quali, secondo l’art.580 del codice civile, spetta un assegno vitalizio pari al valore della quota di eredita` alla quale avrebbero diritto, se la filiazione fosse stata dichiarata o riconosciuta.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *