Posted on

Alcune delle novità più importanti.


Non ci poteva essere periodo più indicato per l’entrata in vigore delle nuove norme del codice della strada, anche se il problema, relativamente a questo settore, non è tanto introdurre nuovi provvedimenti, ma piuttosto cercare di far rispettare quelli già esistenti… Cosa assolutamente non facile.

Alcune di queste norme sono già operative dal 30 luglio, alcune, invece, entreranno in vigore a il 13 agosto.

Ma vediamo più precisamente quali sono le novità per ciò che riguarda la vendita di alcolici.

È vietata la vendita nei locali pubblici dalle tre fino alle sei del mattino, con possibilità di deroga per il Ferragosto ed il Capodanno (?!).

Stesso divieto varrà per i superalcolici negli autogrill, a partire dalle ventidue fino alle sei del mattino.

Inoltre, i ristoranti ed i locali pubblici dovranno munirsi di etilometro per permettere a chi lo desideri di sottoporsi al test dell’ alcool prima di mettersi alla guida.

Inasprite, dunque, le pene per chi guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe e provoca la morte di una o più persone: fino a 15 anni di carcere.

Altre novità riguardano il cosiddetto ” emendamento grappino ” che permetterà a chi avrà la patente ritirata, di poter circolare con un permesso da parte del prefetto per tre ore al giorno, per recarsi sul posto di lavoro oppure accompagnare familiari in ospedale.

Altra norma importante è quella che permetterà ai 17enni di esercitarsi alla guida dei veicoli di massa non superiore alle 3,5t (i veicoli da patente B insomma) già un anno prima di conseguire la patente. Tuttavia leggendo bene l’articolo vi saranno alcune importanti e limitazioni per i 17enni:

  • Dovranno fare apposita richiesta alla motorizzazione che dovrà emettere un’autorizzazione specifica (una specie di foglio rosa)
  • Dovranno già essere in possesso della patente A
  • Il minore potrà esercitarsi con accanto almeno un conducente titolare di patente B o superiore da almeno 10 anni
  • La guida accompagnata potrà essere svolta solo dopo “solo dopo aver effettuato almeno dieci ore di corso pratico di guida, delle quali almeno quattro in autostrada o su strade extraurbane e due in condizione di visione notturna, presso un’autoscuola con istruttore abilitato e autorizzato“. La presente limitazione appare corretta poiché troppi genitori pensando di sapere guidare bene (cosa nel 98% dei casi assolutamente falsa) trasferirebbero ai propri figli tutte le loro cattive abitudini. Peccato che praticamente quasi nessuna autoscuola (per loro stessa ammissione) porta i propri allievi in autostrada per via dei potenziali pericoli che nessuno vuole correre;
  • Nella parte posteriore dell’auto deve essere apposta la dicitura “GA” (guida accompagnata) nelle stesse modalità della classica lettera “P” (principiante). Questa ulteriore precisazione appare inutile perché sarebbe bastata la classica “P”.
  • L’accompagnatore è responsabile del pagamento delle sanzioni amministrative pecuniarie in solido con il genitore o con chi esercita l’autorità parentale o con il tutore del conducente minorenne autorizzato“.
  • Se vengono commesse delle violazioni che prevedrebbero la sospensione o la revoca della patente l’autorizzazione alla guida viene ritirata e non potrà più essere richiesta

Pesanti sanzioni, poi sono previste a proposito delle minicar, per il proprietario che trucca il motore fino a 594 euro, per il meccanico che esegue il lavoro fino a 1.556.

Inoltre, diventa obbligatorio indossare le cinture di sicurezza per i conducenti ed i passeggeri delle minicar.

Aumentano, poi, le sanzioni per chi fabbrica, produce, pone in commercio o vende ciclomotori che sviluppino una velocità superiore a quella attualmente prevista e per chi circola con un ciclomotore alterato ovvero munito di una targa i cui dati non siano chiaramente visibili.

Sancito l’obbligo per il conducente ed il passeggero di minicar l’obbligo di allacciare la cintura di sicurezza. La disposizione si applica solo alle persone a bordo di tali veicoli, dotati sin dall’origine di cinture di sicurezza.

I conducenti di ciclomotori per i quali, al momento del rilascio del certificato di idoneità alla guida per ciclomotori, siano previsti adattamenti o protesi, devono farne uso durante la guida pena una sanzione identica a quella prevista per i conducenti di veicoli con simili prescrizioni iscritte sulla patente di guida

Per tutti coloro che vogliono prendere la patente è stato stabilito un test antidroga che sarà obbligatorio anche per il rinnovo per chi guida mezzi pubblici, taxi e camion.

Possiamo consolarci, almeno in parte, con quello che probabilmente è uno degli interventi migliori sulle nostre strade in termini di sicurezza, vale a dire l’introduzione dei tutor per il controllo della velocità media.

Il posizionamento di questi sensori permette di controllare attraverso l’analisi della velocità media delle automobili, i mezzi che non rispettano il limite di velocità consentito in quel tratto e quindi, segnalare automaticamente l’infrazione senza alcuna contestazione necessaria da parte della polizia.

Grazie a questo deterrente, sulle strade dotate di questo sistema, gli incidenti mortali sono scesi ben del 50%, raggiungendo i parametri precedentemente fissati dall’ UE per il 2010.

Maria Cipparrone.

alla stesura dell’articolo ha partecipato Angelo Mazzuca.

 

Print Friendly, PDF & Email