Posted on

Spetta anche ai figli maggiorenni?


Dissocupata
di 37 anni, vivo con mio padre di anni 69 pensionato. Al suo decesso
potrò percepire l’assegno di reversibilità della
pensione? Grazie”

In
caso di morte del pensionato, i familiari superstiti che possono
conseguire il diritto alla pensione sono:

  • il
    coniuge superstite

  • i
    figli in età inferiore ai 18 anni

  • i
    figli maggiorenni soltanto a determinate condizioni

  • i
    genitori, i fratelli, le sorelle e tutti gli altri soggetti ad essi
    equiparati.

Per
i figli occorre che essi abbiano un’età inferiore ai 18 anni
elevabile, ove non prestino lavoro retribuito, fino a 21 anni se
frequentano la scuola media, e fino a 26 anni durante i periodi del
corso legale degli studi universitari. Peraltro, secondo quanto
affermato dalla Corte costituzionale nella Sentenza n. 42/1999, il
fatto di prestare attività lavorativa retribuita non impedisce
la fruizione della pensione se il reddito ricavato dall’espletamento
di tale attività sia di modesta entità.

I
figli maggiorenni che non si trovino nelle suddette situazioni, hanno
diritto alla pensione di reversibilità solo se sono
riconosciuti inabili a proficuo lavoro e risultino “a carico”
del genitore al momento del decesso dello stesso.

Erminia
Acri-Avvocato


Print Friendly, PDF & Email