Posted on

Pare proprio di si…


 

La globalizzazione fa sentire sempre più i suoi effetti e l’anima gemella è alla portata di un click. Questo è quanto emerge dagli ultimi sondaggi e inchieste giornalistiche. Le occasioni, infatti, per socializzare, incontrare altri single e/o farsi nuovi amici si sono moltiplicate a seguito dei numerosi siti esistenti che agiscono da interfaccia tra la domanda (chi cerca) e l’offerta (chi si propone).

Se in passato per poter incontrare nuove persone ci si recava in discoteca, pub, a feste organizzate o in palestra, oggi si usa internet.

Il dating online, le community o la chat sono modi per conoscersi e per discutere nella tranquillità della propria casa o del proprio ufficio, soprattutto per quelle persone timide o introverse che hanno qualche problema ad interagire con l’altro e tramite (almeno in primo momento) l’anonimato riescono a tenere a bada eventuali paure ed incertezze.

Ma non è solo ciò a spingere le persone a cercare su di una pagina virtuale quello che serve per soddisfare un bisogno primario e necessario che è l’amore. Amare ed essere riamati, dare e ricevere amore.

La società, nel giro di venti anni è profondamente cambiata, sono mutati i costumi, le abitudini, le priorità, i valori. Se ciò è fisiologico e fa parte del processo naturale dell’evoluzione della società, ci si imbatte, però, in una spersonalizzazione dei sentimenti e dei bisogni. E’ un mordi e fuggi continuo dei rapporti umani, maggiormente avvertito nelle grandi città, nei centri urbani di grosse dimensioni, dove, ad essere penalizzati sono proprio questi rapporti e, quindi, le occasioni di incontro tra le persone, per parlare, discutere, confrontarsi, arricchirsi con altre esperienze, integrarsi e darsi reciprocamente, in uno scambio naturale, alla base della vita.

Ed allora ecco il proliferare, grazie ad internet, di chat, blog e siti d’incontri online. Almeno una volta, chi è un’internauta abituale, si sarà imbattuto in annunci strani, a tratti divertenti, tutti rivolti alla ricerca di amore o di un’ avventura online.

Già, perché prima c’erano le agenzie matrimoniali e gli annunci sul giornale locale, adesso, nell’era della globalizzazione: donne, adolescenti e uomini, l’amore lo cercano online. E non è un fenomeno di piccole proporzioni, vista la proliferazione di siti destinati appunto a trovare un partner, come il famoso Meetic, che vanta milioni di iscritti, o Parship, il sito straniero che si presenta come leader in questo settore..insomma ce n’è per tutti i gusti. Da ciò emerge, dunque, un profondo cambiamento sociale e nelle relazioni amorose.

Ma perchè questo cambiamento? Perché nella società attuale si passa quasi più tempo collegati ad internet, si preferisce cioè un anonimo e grigio pc, una pagina virtuale alla realtà.. Questo è ciò che deve far riflettere.. Si evitano le persone, i contatti, con la scusa di non aver tempo, ma il tempo per noi stessi, per i sentimenti è necessario, più delle altre cose o comunque alla pari di ciò che abitualmente facciamo, del lavoro, delle riunioni con il capo.. Ed allora non ci resta che renderci conto che anche i sentimenti ed i metodi di approccio sono mutati..

Bar e locali dunque sono stati soppiantati da altri luoghi definiti come “virtuali”. Le chat e le dating online sono strumenti semplici ed immediati ma soprattutto impersonali per avere contatti con il prossimo. Mentre fino qualche tempo fa le conoscenze virtuali erano considerate prerogative di chi non era capace di intraprendere relazioni reali, e si nascondeva dietro lo schermo per timidezza o per poca fiducia in se stesso, oggi le cose sono decisamente cambiate.

E’ di gran moda innamorarsi online. Basta fare un salto sui profili di molti siti di incontri online, per rendersi conto che a cercare l’amore via internet non sono solo bruttini ed insicuri, ma soprattutto uomini e donne tra i 30 ed i 40, con un buon grado culturale, ben integrati nella società, con voglia di conoscere persone nuove, di condividere le proprie esperienze idee e conoscenze, non escludendo la possibilità che possa nascere qualcosa di più dell’amicizia..

Ma poi, siamo così sicuri che tutte le notizie, filtrate da un sito, a cui, naturalmente, conviene registrare più utenti possibili, siano vere, sicure, reali? Questo è quello che principalmente bisogna chiedersi. La possibilità che non tutti gli iscritti siano sinceri c’è. Un po’ di ciò avviene nella vita di tutti i giorni. C’è la persona corretta, perbene e sincera e quella meno.. Quindi, chi ci da la garanzia che la persona che ci ha agganciate online, ci dia notizie certe sulla sua identità?

Anche i siti a pagamento, come Parship, non può svolgere indagini su tutti gli iscritti e certificare sulle reali condizioni di vita, di lavoro, di stato civile di ognuno, evitando, dunque, menzogne e conseguenti frustrazioni ai malcapitati che, magari, avevano creduto di essersi imbattuti nella principessa e/o nel principe azzurro..

Capire, magari al primo incontro (se si concretizzerà), che, purtroppo si tratta di un principe sbiadito o, peggio, completamente inesistente dal punto di vista delle qualità personali e professionali, è una bella frustrazione! Soprattutto per chi, oltre a spendere soldi, ha caricato di molte aspettative l’iscrizione a questi siti per incontrare l’uomo o la donna della sua vita.

Ma torniamo a spiegare un po’ come funziona l’incontro “virtuale” e chiediamoci

Che cos’ è il “dating online “?

 

E’ la pratica che prevede l’utilizzo di internet per ricercare partner, amici, con cui conoscersi ed incontrarsi dal vivo.

Combinare incontri online è facile accedendo ed iscrivendosi ad alcuni siti specifici che aiutano i visitatori a trovare l’anima gemella. Le ragioni che spingono così tanti visitatori ad iscriversi a siti di incontri sono moltissime, e qui si può trovare gente di tutte le età, estrazioni sociali, città e differenze fisiche, proprio come se fosse un qualunque luogo d’incontro. Il vantaggio, sembrerebbe, che prima di conoscere qualcuno si può leggere il suo profilo e decidere se vale la pena o meno conoscerlo. Certo bisogna fare attenzione ad eventuali truffe o richieste economiche sospette da parte di alcuni di questi portali ed assumersi il rischio che ciò che è contenuto nel profilo non sia del tutto vero.


Se cerchiamo i siti d’incontri sul web ne troviamo moltissimi. Sono quasi tutti a pagamento, alcuni sono veramente cari (nel senso economico del termine), altri sono invece mal impostati.

Tra i siti di incontri online ve ne sono di molto conosciuti che proprio per il vastissimo numero di iscritti hanno raffinato, dicono loro, le tecniche di ricerca relative alle affinità personali per cercare le possibili combinazioni vincenti (cioè mettere in contatto persone compatibili).

Mi chiedo, da counselor, come è possibile che, senza incontrare gli iscritti, questi siti, sulla base di informazioni che ricevono (bisognerebbe prima verificare che siano corrispondenti alla realtà), possano stabilire che una persona è compatibile con un’altra? Si tratta di maghi, di persone dotate di poteri soprannaturali che riescono a capire che una persona è fatta per un’altra..

Esprimo personalmente, quanto meno dei dubbi.. La realtà è un po’ diversa..

La personalità di ognuno di noi è talmente complessa e sfaccettata da non poterla ricondurre a profili psicologici di utenti mai visti e conosciuti. Anche quando, nella vita reale, s’incontra una persona, solo dopo tanta frequentazione si può concludere dicendo: ” e’ la persona giusta per me..”

Ma ritorniamo ai siti

Il più visitato è:


Meetic il primo siti di incontri in Europa, che compilando una scheda di ricerca permette di individuare la persona che si desidera incontrare. In pochi secondi compare sul video un elenco di persone corrispondenti al criterio di ricerca effettuata. L’iscrizione è gratuita, e permette di scegliere un nickname e compilare un proprio profilo dettagliato, comprensivo di foto e di messaggio di presentazione.

Ma attenzione, perché per poter accedere ad i successivi servizi, se si vuole inviare messaggi o chattare con la persona prescelta bisogna acquistare un “pass meetic” per almeno un mese.

Si tratta, dunque, dell’acquisto di veri e propri pacchetti- abbonamento. Attenti, quindi, alle brutte sorprese. E’ sempre bene leggere le regole per accedere al sito, anche quelle apparentemente più innocue, il rischio infatti è quello di vedersi addebitate sulla propria carta di credito somme inaspettate. Il costo per un pass meetic mensile è di € 29,99 quello trimestrale è di € 59,85.

Il consumatore deve tener presente tante cose, prima di farsi prendere dall’entusiasmo della grafica accattivante del sito e della possibilità di conoscere persone nuove, soprattutto per l’acquisto di questi particolari servizi bisogna avere la consapevolezza di ciò che si acquista e a che cosa si va incontro. Ricordiamo infatti che l’iscrizione a questi siti è sempre gratuita ma pochi sono interamente gratuiti (tra questi ultimi il più noto è Batticuore, un sito di incontri dedicati specificatamente alla chat).

Per quasi tutti i siti di incontri la dinamica è la stessa, dialoghi in diretta per visualizzare un elenco di utenti che corrisponde ai propri criteri di ricerca, per città, provincia, età ecc.

Per tutti i consumatori che desiderano, dunque, trovare l’amore sul web, ciò che si raccomanda è di stare sempre molto attenti, assicurandosi di sapere proprio tutto prima di acquistare pacchetti crediti o altri servizi per poter chattare o videochattare o, comunque, essere messi in contatto con altre persone, ricordando che, la migliore ricetta per incontrare l’amore, è la fiducia in se stessi e la voglia di aprirsi all’altro, accogliendolo e accettandolo, senza dimenticare che l’amore è anche, e direi soprattutto, una questione di testa e non solo di cuore.

Maria Cipparrone

(avvocato-counselor)

 

 

Print Friendly, PDF & Email