Posted on

Costo del danaro, scontrino “parlante”, class action.


La Bce (Banca centrale europea) ha tagliato il costo del denaro di un quarto di punto, portandolo così all’1%, valore al minimo storico, da quando nel 1999 la Bce ha cominciato a gestire la politica monetaria. Invariato il tasso sui depositi, allo 0,25% mentre diminuito di mezzo punto quello marginale, che dal 2,25 % giunge al 1,75%.

La riduzione del costo del denaro, tanto attesa dal mercato, porterà un risparmio per le famiglie di qualche decina di euro sulle rate dei mutui, un piccolo aiuto ma incoraggiante. Le associazioni dei consumatori sottolineano quanto è indispensabile che gli istituti di credito si adeguino alla decisione presa dalla Bce modificando le rate dei mutui in base al nuovo tasso, ponendo fine ai continui aumenti dello spread, affinché non si vanifichi la decisione presa dall’Istituto di Francoforte. Necessari verifiche e controlli.

A partire dal primo gennaio del 2010 non verrà più rilasciato dai farmacisti per l’acquisto di medicinali il cosiddetto “scontrino parlante” sul quale si riporta in dettaglio il nome del farmaco acquistato e dal quale facilmente si può dedurre lo stato di salute e le patologie dei cittadini.

Una decisione presa dall’Autorità garante per la privacy volta a tutelare i cittadini, ai quali sarà assicurata ugualmente, nonostante la sospensione dello scontrino parlante, la possibilità di detrarre le spese mediche nella dichiarazione dei redditi. Sul nuovo scontrino sarà riportato solo il codice alfanumerico posto sulla confezione di ogni medicinale, basterà questo per poter procedere alla deduzione fiscale.

Lunedì a Roma i consumatori discutono di class action. Queste le domande, alla base del dibattito: Cosa è indispensabile fare perche’ l’azione collettiva italiana sia efficace contro le truffe, i raggiri, e le furbizie, quali sono gli strumenti perché tutto ciò non porti a una paralisi dei Tribunali, a un bluff per i consumatori, a un business per gli studi legali. Di questo e altro si discutera’ nella conferenza stampa organizzata da Adiconsum in programma lunedi’ 11 maggio alle 11, presso il Centro congressi Cavour, al civico 50 dell’omonima via, a Roma. Interverranno il segretario generale Adiconsum, Paolo Landi, il segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona, il presidente del Movimento Difesa del Cittadino, Antonio Longo, e il presidente di Federconsumatori, Rosario Trefiletti.

Print Friendly, PDF & Email