Posted on

Rapporti sociali, usi e
costumi

Calabria:
appunti di viaggio  – 2

 

Uno dei
viaggi più importanti per la conoscenza delle abitudini dei calabresi è quello
intrapreso da Norman Douglas. Egli  scrisse Old
Calabria
, pubblicato per la prima volta nel 1915; questo non solo è uno
splendido libro di viaggio, ma è anche, e ancora oggi, un’utile “enciclopedia”
sulla Calabria, visitata più volte dall’autore nel corso della prima metà del
Novecento. Douglas non lavorò mai tanto per nessun altro libro. È opinione
generale che sia il miglior libro scritto su questa regione. Prima di iniziare
a raccontare il suo viaggio in Calabria lo scrittore la elogia raccontando che
questa regione è una terra di grandi uomini; si possono citare più di duemila
celebrità calabresi: atleti, generali, musicisti, inventori, pontefici. Una
terra di pensatori, in quanto esiste un elenco di settecento scrittori
calabresi.

Il suo
viaggio in Calabria comincia da Rossano.

Come sua
consuetudine, appena arrivava in un posto per la prima volta, egli cominciava
con il fare una visita in farmacia, dove un certo gruppo di cittadini si
riuniva a conversare, perché, secondo Douglas, solo così si poteva veramente
“tastare il polso” del paese. Questo era il primo centro della classe agiata,
la quale, dopo aver fatto conoscenza, procuravano allo straniero una stanza
pulita e comoda, a metà del prezzo previsto in albergo.  

Dopo
aver descritto il paesaggio e l’accoglienza degli abitanti di questa regione,
egli ci descrive chi fosse per lui l’autentico calabrese. Spiega che se si vuol
vedere il vero calabrese, si devono osservare i contadini quando tornano la
sera dal lavoro dei campi, tra loro si ritrova l’indescrivibile marchio della
“razza”; per carattere e lineamenti, essi erano diversi dagli italiani,
appartenevano a un tipo spagnolo. Secondo lui, il calabrese era un personaggio
di poche ma acconce parole, leale, indifferente ai dolori e alle sofferenze e
nella concezione che aveva della vita si coglieva sempre un senso di distacco
dalle cose mondane. Douglas lasciò Rossano e si diresse verso la città di
Castrovillari. Egli precisa che, seppure in molti gli avessero parlato
malissimo di questo luogo, la sua impressione è stata totalmente smentita
dall’accoglienza che ha ricevuto nel suo albergo. Egli trovò questo posto molto
diverso da Rossano.

Il suo
percorso proseguì ed arrivò nella città di Morano.

Racconta
che questa era un’antichissima città e, nonostante le dimensioni (sembrò essere
più grande della città precedente), non offriva né cibo né ospitalità. Ciò che
colpì l’attenzione del nostro viaggiatore fu il costume delle donne di Morano.
Esse indossavano delle gonne rosse, di una tintura fabbricata in casa, e nastri
di uguale colore tra i capelli. Era un punto di rosso che assomigliava molto a
quello degli abiti indossati dalle beduine di Tunisi. Egli spiega che, forse,
fu portato qui dai saraceni. Gli stessi che per lui importarono la mania del
pepe rosso che era tipico di queste zone, dove veniva usato in ogni maniera,
specie dentro un salame insaporito da questo robusto condimento. Tutto il paese
portava le tracce dei saraceni. Molto vicino sorgeva il prospero paese di
Saracena, famoso fin dai secoli passati per il suo moscato.

Giunse,
quindi, a Terranova di Sibari.

Egli
narra che questo era un paesetto sporco, dove gli uomini erano tutti in America
e le donne erano quasi tutte afflitte. Ciò che colpì il nostro autore fu il
sistema calabrese per le porte d’ingresso; spiega che esse erano divise in due
orizzontalmente; la parte superiore, che restava di solito aperta affinché
potesse entrare aria e luce, e la parte inferiore, chiusa per impedire ai
maiali di entrare in casa durante il giorno (di notte ci andavano a dormire). Dopo
Terranova egli decise di raggiungere una casa dove abitavano dei pastori, che
era distante circa quattro ore di cammino; il percorso risultò molto piacevole,
ma la permanenza lì un po’ meno. La notte era molto fredda e il vento gelido
penetrava nella stanza, il pavimento di legno su cui giaceva sembrava più duro
di molti altri simili. Ripensava con rimpianto alle tiepidi notti di
Castrovillari e malediceva la sua follia d’essersi arrampicato in quelle zone
artiche.

La
mattina seguente lasciò gli ospitali pastori e giunse dopo mezzogiorno alla
Madonna di Pollino, lungo remoti sentieri nel bosco.

Qui
assistette ad una festa del paese e racconta che in questo posto si
incontravano ancora, riuniti insieme, tipi tradizionali, non contaminati dal
modernismo e dall’emigrazione. Vi era rappresentato tutto il paese; i contadini
arrivavano con la famiglia da trenta o quaranta paesetti di questa zona poco
popolosa. In realtà, era un grande picnic in onore della Vergine dove vi si
radunavano duemila persone. Un elemento nella festa, che colpì il nostro
autore, fu la vivacità dei costumi, tra i quali i più gai erano quelli delle
donne provenienti dai sette o otto villaggi albanesi che circondavano questi
monti. Alla fine del raduno religioso una carrozzella lo portò a Castrovillari
dove, dopo un bagno e un pasto, riuscì, precipitandosi alla stazione, ad
acchiappare il treno della notte per Cosenza.

Lungo il
percorso da Castrovillari a Cosenza non scorse anima viva.

Infine,
entrò in un paesetto dove trovò una quiete mortale perchè era l’ora del
sonnellino pomeridiano. Egli cercava un alloggio e decise, così, di chiedere
all’osteria del paese. Trovo il proprietario che era di cattivo umore e gli
disse che l’albergo era occupato e non vi si poteva neanche pranzare. Poiché
quello era l’unico albergo della città, provò ad insistere, prima con
gentilezza, poi con energia, ma tutto fu invano. Entrò disperato nell’unico
negozio dove aveva scorto segno di vita, una donna albanese che filava secondo
gli usi patriarcali. Racconta che la padrona indossava uno sfarzoso costume e
lo salutò con un sorriso e con una cordialità immediata che egli scoprì
naturale a tutte queste donne. Essa gli offrì una stanza, dove avrebbe potuto
riposare, ed anche del mangiare. Douglas rimase molto colpito da questa donna
in quanto era affabile e simpatica e diventarono grandi amici.

Decise di congedarsi dalla gentile signora
per dirigersi, con il suo cocchiere, fino a Vaccarizza, sui pendii della greca
Sila.

Partì
verso le 9,30 e a mezzanotte si trovò nei pressi di Terranova di Sibari;
avrebbe voluto vedere alla luce del giorno questi luoghi in quanto ritiene siano
molto affascinanti, ma ripartì subito. Durante il tragitto scorse un uomo, che
camminava solitario e svelto con la testa china, il cocchiere gli disse che era
un “lupo mannaro”. Egli afferma che
questa enigmatica creazione della mente umana si trovava spesso in Calabria, ma
non se ne parlava volentieri.

Attraversò,
quindi, i centri albanesi di Vaccarizza e San Giorgio.

A
Vaccarizza egli fu ospite di un ricco possidente del luogo e racconta che fu
trattato con vera ospitalità e cordialità albanese. Notò che il resto della
popolazione di questo centro era molto povera e che le loro case avevano un
aspetto miserevole; inoltre, afferma che, come troppi altri paesi dell’Italia
meridionale, questo era quasi privo di popolazione maschile ed era sporco e
trascurato. Secondo lui, la prima impressione che avrebbe potuto avere un
viaggiatore visitando questo paese era di un abbandono peggiore di quello che
si vedeva in Oriente. Non c’era soltanto disordine alla periferia: era un caos
deliberato, in quanto erano individui con uno scarso senso della casa e delle
sue venerate usanze.  Egli, a questo
punto, fa un paragone con l’Inghilterra, dove anche le strade, le pietre stesse
documentavano un innato amore per l’ordine, per i sentimenti di buona vicinanza
e per le tradizioni santificate dal tempo; mentre qui, secondo lui, mancava il
senso della casa come punto di riferimento topografico fisso e preesistente,
come gli arabi e i russi, nessuno dei quali possiede un vocabolo che significa
l’inglese “home”. Qui, egli continua,
il termine più vicino era la famiglia. Gli inglesi, spiega, pensavano a quella
casa o a quel paesetto in cui erano nati ed avevano trascorso i giorni più
teneri dell’infanzia;mentre qui si considerava la “casa” non come centro
geografico, ma sociale, passibile di venir trasferito da un luogo all’altro.
Secondo Douglas, qui non esisteva il sentimentalismo, che distingue gli
inglesi, verso gli oggetti inanimati.

Douglas
narra che su questo versante nord della Sila vi erano sei colonie albanesi,
delle quali San Demetrio Corona era la maggiore e fu lì che pernottò e rimase
molto contento dell’ospitalità ricevuta.

Qui
trascorse qualche breve giorno e cercò di tracciare un ritratto di questi
albanesi, in base alle loro consuetudini e a quel tanto della loro letteratura
che gli era stato messo a disposizione.
La sua opinione su di loro non mutò, fu quella che già egli aveva
formulato quando riposava, in Grecia, nei loro villaggi. Gli rammentavano gli
irlandesi. Spiega che entrambe le razze erano sparse nel mondo e sembrava che,
fuori del loro paese, prosperassero meglio; esse avevano lo stesso spirito
battagliero e la stessa schietta ospitalità, entrambe si perdevano nella
bigotteria e nelle liti; e si assomigliavano nell’amore per lo sporco, per il
disordine e per le esibizioni; nell’incapacità di autogovernarsi e nella
tendenza ad un’ispirata inefficienza. Ed entrambe professavano un’assurda
obbedienza a una lingua in disuso che, se fosse stata rigidamente osservata
come avrebbero voluto, secondo l’autore, avrebbe posto tra loro e il resto
dell’umanità una barriera insormontabile.

Nella città di San Demetrio egli
preferì cercar ristoro in una piccola trattoria, dove l’ostessa gli cucinò un
ottimo pasto; racconta che le donne di questa zona, nelle classi superiori,
erano in genere più intelligenti e civilizzate di quelle della provincia
napoletana. Egli avrebbe voluto trascorrere più tempo in questo posto,
sconosciuto dalla maggioranza degli italiani, ma il caldo e la cattiva cucina
avevano incominciato ad incidere sfavorevolmente sul suo fisico. 

Di Acri narra che era una grossa
borgata
, la cui aria di prosperità contrastava con l’indolente
decadenza di San Demetrio e l’emigrazione in America era molto intensa.

Raggiunse, quindi, Longobucco. Durante
la sua permanenza nel paese notò che le strade erano pulite e ordinate; non vi
erano albanesi e non esistevano costumi tradizionali di alcun genere. Visitò i
quartieri più poveri che erano tutti decentemente illuminati elettricamente.

Lasciata
Longobucco, egli giunse a San Giovanni in Fiore.

Per
quanto riguarda l’ospitalità della gente di questo paese, afferma che si sentì
subito a suo agio fra quella brava gente che lo accolse cordialmente come un
vecchio amico. Egli racconta che non ci volle molto per scoprire che, a San
Giovanni, l’oggetto di maggior interesse era costituito dalle donne. Molti
villaggi calabresi possedevano ancora i loro costumi caratteristici, ma dice
che sarebbe stato difficile trovare altrove tante belle donne in uno spazio
così ristretto. Spiega che nei tempi antichi era pericoloso avvicinare queste
attraenti creature, poiché venivano gelosamente sorvegliate da fratelli e
mariti. Ma in quel periodo essi erano in America ed era quindi possibile fare
amicizia con loro. Per vedere le donne nel pieno folgore, bisognava scegliere
una domenica o un giorno festivo; inoltre, le loro grazie naturali erano messe
in rilievo dagli elaborati ornamenti di finissimo gusto e dalle graziose
acconciature di effetto irresistibilmente seducente. Inoltre, dice che esse
avevano un portamento aggraziato e improntato a una rara distinzione. Per
quanto riguarda l’igiene pubblica di San Giovanni egli fa una lunga critica;
infatti narra che questo paese era sporco in un modo assurdo; secondo l’autore
esso conteneva la sporcizia accumulata tipica di una città orientale. Il suo
sudiciume, spiega, era dovuto in gran parte al fumo che, uscendo da tutte le
finestre, anneriva i muri delle case dentro e fuori, dato che i calabresi si
rifiutavano di abbandonare la preistorica usanza di cucinare sul pavimento. I
muri privi d’intonaco e le numerose finestre cieche conferivano alle case
un’aria nuda e desolata, e i maiali neri che si rotolavano sulle soglie
contribuivano alla sciatteria dell’ambiente. L’autore nota che non si faceva
nulla per l’igiene pubblica; le donne lavavano i panni in acque di fogna, non
esisteva illuminazione stradale; nel paese era acceso un unico lampione che ai
primi venti cadde e non fu più rimpiazzato.  Del suo ultimo soggiorno qui, lo scrittore
racconta che uscì su un giornale un articolo sull’igiene pubblica, ispirato al
rapporto di due medici inviati dalle autorità sanitarie provinciali per
rendersi conto delle condizioni locali. Questi rimasero scandalizzati dal
sudiciume, dal fango e dalle immondizie che ingombravano le strade, emanando
col caldo un fetore pestilenziale. Douglas afferma che il luogo era malsano,
l’approvvigionamento dell’acqua non era quello che avrebbe dovuto essere e
alcuni generi di prima necessità erano piuttosto cari. Per quanto riguarda gli
abitanti di questo paese egli dice che essi si distinguevano dai paesi che si
trovavano lungo la costa dell’Italia meridionale, per il modo col quale
venivano trattate le donne; nei paesi lungo la costa, spiega che era ancora
possibile trovare donne che altro non erano se non bestie da soma, sciatte e
primitive: in queste zone il maschio era il solo portatore della cultura.
Situazioni del genere non si trovavano nei paesi della Sila: le donne, dotate
di maggior bellezza degli uomini e meglio vestite, erano spesso intelligenti
quanto loro.

Nei
tempi in cui l’autore visitò l’Italia meridionale si rese conto che c’erano
molte usanze e superstizioni che proclamavano chiaramente la superiorità
dell’uomo anche se gran parte dei maschi allora si trovavano in America. A
proposito di questa emigrazione  in
America, Douglas notò che nonostante portasse molto denaro al paese e molte
idee nuove, gli abitanti non avevano ancora imparato a usare della nuova
agiatezza e a godere di un più moderno livello di vita.

Nel paese di Bova, presso
il litorale ionico, l’autore si trovò in ottimi rapporti con le autorità di
questa cittadina che egli definì piuttosto squallida. Egli credeva che Bova
fosse ancora una miniera inesplorata di notizie da sfruttare; la popolazione
era bilingue, la città mantenne i riti religiosi greci fino alla seconda metà
del secolo XVI e nel popolo sopravvivevano numerosi cognomi greci.

Le
osservazioni effettuate da Norman Douglas durante i suoi viaggi in Calabria
restano fondamentali nell’approfondimento della conoscenza degli usi e costumi
di gran parte della popolazione calabrese.

 

…CONTINUA

Print Friendly, PDF & Email