Posted on

La nostra esperta di diritto dei consumatori ci spiega cosa fare se, di ritorno dalle vacanze, le nostre valige, imbarcate al check-in dall’aereoporto di partenza, non “compaiano” sul nastro del ritiro bagagli all’aereoporto d’arrivo: vediamo insieme i semplici ma tempestivi passi da compiere in questi casi.

Non sempre dalle vacanze si ritorna con tutto ciò con cui si era partiti. Può, infatti, capitare di non trovare, una volta scesi scesi dall’aereo, le valigie consegnate al check-in dell’aeroporto di partenza. I passi da fare, in questi casi, da parte del consumatore, sono semplici ma devono essere tempestivi.

C’è da precisare, che al momento del check-in, i bagagli vengono registrati ed il passeggero riceve uno scontrino per ogni bagaglio consegnato, che esenta il viaggiatore da ogni responsabilità in relazione ad eventuali furti e/o smarrimenti.

Cosa fare, quindi, se la valigia non compare sul nastro del ritiro bagagli?

Innanzittutto, bisogna recarsi ad un ufficio presente in ogni aeroporto, il “lost and found” (perso e trovato) e compilare il PIR, (irregolarità dei rapporti del passeggero) in cui viene descritto il bagaglio smarrito. La compagnia aerea ha 5 giorni di tempo per effettuare le ricerche: se il bagaglio viene ritrovato lo riconsegnerà al domicilio indicato, altrimenti il sesto giorno bisognerà sporgere la denuncia di smarrimento sia al comando di polizia che alla compagnia aerea.

Se si è trattato di un volo nazionale, la denuncia, lo scontrino del bagaglio e il modulo PIR devono essere consegnati alla compagnia aerea entro 14 giorni dal volo, in caso di volo internazionale entro 21 giorni.
Il bagaglio sarà dichiarato perso dopo un periodo che varia, a seconda delle compagnie aeree, dai 30 ai 60 giorni, scaduti i quali, la compagnia provvederà a pagare il rimborso.

Per i rimborsi, il viaggiatore, su voli nazionali ha diritto ad un massimo di € 6.20 per ogni kg di peso della valigia smarrita o ad un massimo di € 222.08 in caso di risarcimento di eventuali oggetti rubati.
Sui voli internazionali, invece, l’importo del rimborso è di € 24.00 per ogni kg di peso del bagaglio perso.
In caso di bagaglio a mano, la procedura è identica, ma ottenere il rimborso è più difficile perché bisogna provare che lo smarrimento è stato causato dalla compagnia aerea, se ci si riesce il rimborso è di € 460.68 per i voli nazionali, e di € 1007.09 per i voli internazionali.

Maria Cipparrone

( Avvocato )

Print Friendly, PDF & Email