Posted on

Mah!


L’editoriale politici, gattopardi, iene, sciacalletti
, unito alla contingenza delle elezioni amministrative, spinge tutti a trovare risposte ai tanti quesiti che si affacciano nel confronto tra i cittadini normali e quello che è ormai divenuto un villaggio ,per non dire un fortilizio, a se stante nel Paese.

Nuove amministrazioni?

L’economista Vilfredo Pareto avvertì che le aristocrazie al potere si usurano e vengono sostituite da altre (circolazione delle elite), le quali dicono che prendono il potere per beneficiare il popolo, poi abbandonano chi le ha aiutate, al massimo erogando un contentino formale. A parità di popolazione, abbiamo il più alto numero di eletti a cariche pubbliche e il più alto numero di nominati dalla politica, che svolgono funzioni parapubbliche, pagati da casse pubbliche. In UE spendiamo il 30% in più per il funzionamento della politica, con una dinamica di crescita doppia .In Italia pare che 1.800.000 campino di politica (la più grossa ‘industria’, la Fiat ha molti meno dipendenti).Sul Corsera G.A. Stella riferisce di un esercito sterminato di candidati, e di partiti,629 (c’è anche PILU, persone indipendenti libere unite; Villaricca è tra i Comuni più poveri, ma ha 1 candidato ogni 80 abitanti):non per partecipazione democratica. È un mestiere che tira: ottimi emolumenti, niente responsabilità, bassi rischi, grandi poteri, anzi, sconfinati. Fai più carriera se sei, non bravo, ma più disponibile, ossequiente. Negli ultimi 10 anni i costi della politica sono saliti del 40%,i redditi dei lavoratori sono aumentati meno del 20%; in nessun Paese del mondo ciò è accaduto, le Provincie dovevano essere abolite, invece ..si vota, e noi andiamo ad eleggere.. politici e confermare (implicitamente)..Provincie?

Tantissimi i provvedimenti autoritativi che in sostanza sono abusi del potere, e il Potere lo sa e lo vuole; infatti l’art 75 Cost pre-vede (tra altro) divieto di referendum su tributi, bilanci, trattati, l’art 67 delega in bianco, l’art 68 irresponsabilità, art 48 (voto segreto, per impedire ripensamenti in corso d’opera) e 60 irrevocabilità, ecc.

Il Potere ha creato, insomma, una cintura di ferro attorno a se stesso per difendersi dalle diverse opinioni , volizioni ed interessi dei cittadini, ed è stato così furbo da far passare la Costituzione per nuova ,democratica ..antifascista, conquista della resistenza, a vantaggio del popolo ..sovrano; almeno il previgente Statuto albertino, all’art 50 stabiliva che ai politici non spettassero né indennità, né stipendi.

La classe politica ha formato un villaggio dei politici, all’interno del Paese, dove il potere viene okkupato, sotto il controllo dei soliti poteri occulti ,naturalmente con grosse contese tra i vari tanti pretendenti ad entrarvi; in compenso dell’obbedienza ai poteri forti, ai politici, fortissimi compensi e larghissimi poteri, discrezionalità spesso usata per intese criminali. E tanti costi a che son serviti? A formare il 3^ debito pubblico, a carico di figli e nipoti, perché è chiaro che i contemporanei non riusciranno a colmarlo (cosa che l’opinione comune considera, peraltro, ignobile) ?

No grazie. L’economista USA A.J. Nock dopo aver studiato e comparato la storia degli Stati, ha concluso che non hanno mai fatto nulla di efficiente od onesto, non sono, come alcuni presumono, enti sociali, ma antisociali, loro scopo? Mantenere iniquità ed ingiustizia.

E’ mancato nel 1945,ma dopo di lui, Stati che si possano definire differenti non ne sono emersi. Anche la Scuola economica austriaca da tempo ha vagliato possibili soluzioni al malgoverno ed allo scollamento tra sudditi e governanti: non ne ha trovate, si limita a raccomandare uno Stato minimo, per minimizzare almeno i danni.

Francesco Battaglia

Print Friendly, PDF & Email