Posted on

Unione Europea; Power Bilance; Ministero della Salute; Carta igienica…


 

UE: In arrivo nuove classi di consumo per gli elettrodomestici

L’etichetta energetica sale di livello. Anzi, di tre. E si estende anche ai televisori. L’Unione Europea ha infatti approvato importanti novità per l’adesivo che identifica la classe di consumi di lavastoviglie, frigoriferi, congelatori, frigo-congelatori e lavatrici. Uno strumento che aiuta i consumatori nel momento dell’acquisto, visto che grazie al rettangolino adesivo si possono conoscere il consumo in termini di Watt e il consumo annuo in kWh. La tecnologia avanza e la lettera A, che fino ad oggi ha contraddistinto gli elettrodomestici più efficienti sul mercato, è già superata. Le nuove classi sono A+, A++ e A+++. Tra la lettera A e la A+++ c’è circa il 50% di differenza in termini di efficienza energetica. Un balzo in avanti che in bolletta dovrebbe farsi sentire. Il regolamento europeo è entrato in vigore dal 20 dicembre 2010, ma solo dal 20 dicembre 2011 scatterà l’obbligo, per tutti i produttori, di applicare la nuova etichetta agli elettrodomestici che entreranno nei negozi da quel giorno.

 

Power Bilance: sanzionata dall’Antitrust per il bracciale di silicone;

Il braccialetto Power Bilance che vanta la capacità di migliorare l’equilibrio non ha alcuna efficacia: è questo il verdetto dell’Antitrust. Le proprietà, dunque, del braccialetto sono prive di riscontro scientifico. Per questo motivo, la multa comminata alla società Power Bilance Italy e Sport Town per aver attribuito ai bracciali di silicone e neoprene ed alle collane con il loro marchio proprietà ed effetti sull’equilibrio, sulla forza e sulla resistenza fisica che, invece, non hanno è di 350 mila euro.

 

Ministero della Salute: il pane mezzosale non decolla;

Il Ministero della Salute a maggio scorso aveva siglato un accordo con la Fippa (fondazione italiana panificatori, pasticceri ed affini) per produrre un tipo di pane che contiene il 50% in meno di sale rispetto alla media di questo alimento. Una buona iniziativa che, però, si è scontrata con la scarsa adesione dei fornai. Le associazioni dei consumatori hanno fatto un’ indagine scoprendo che il pane mezzosale si trova solo a Bologna e ad un prezzo decisamente elevato: 5 euro al chilo.

 

Carta igienica: meglio quella normale, inquina meno.

La carta igienica “per pelli sensibili” è costosa, inquina e non informa sugli ingrediente. E’ questa la conclusione delle associazioni dei consumatori in merito ad alcune carte igieniche in cui è pubblicizzata la presenza di ingredienti come l’aloe e il karitè. Questi ultimi sono emollienti di origine naturale che sono utilizzati insieme a ingredienti chimici come umettanti, solventi, profumi, coloranti e conservanti. I produttori poiché non sono obbligati in etichetta a riportare l’elenco degli ingredienti, quindi non si sa quanti e quali ce ne siano. Oltre al fatto che si può andare incontro a reazioni indesiderate della pelle. Optare per una carta igienica normale significa spendere meno, correre meno rischi e fare un regalo all’ambiente, se si tratta di carta riciclata.

 

Maria Cipparrone

 


[
->http://www.studiolegalecounselingcipparrone.it/]

Print Friendly, PDF & Email