Posted on


Calo nei consumi natalizi e aumento dei prezzi; Carburanti: aumenti sospetti; Kilocal: nuova Multa per pubblicità ingannevole.


Quest’anno il Natale vedra’ aumenti contenuti nei prezzi che non scongiureranno comunque un “gelo” nei consumi. Qualche giorno fa l’Osservatorio nazionale delle associazioni dei consumatori ha monitorato i prezzi dei prodotti tipici delle festivita’ e ha evidenziato che “l’andamento dei costi registra, quest’anno, aumenti contenuti, specialmente per il settore alimentare e per i giocattoli (con punte del 6%). In aumento anche il costo dei viaggi (tra il +2 e il +4%), fatta eccezione per quelli con destinazione una capitale europea (-2,5%). Diminuiscono i costi degli articoli di ultima generazione, soprattutto i lettori mp3 (-8%) e le chiavette usb (-30%)”. Si prevede, comunque che, dato il limitato ammontare della cifra destinata al Natale – quello che rimane dalle tredicesime che per il 75% sfumeranno in mutui e bollette – i consumi caleranno dell’11%. I settori piu’ interessati dalla diminuzione degli acquisti saranno abbigliamento e calzature (-13%), mobili, arredamento per la casa, elettrodomestici (-18%), profumeria e cura delle persona (-8%), giochi giocattoli e sport (-2%) e alimentare (meno 2%). In controtendenza vanno l’elettronica di consumo, con un +3% legato al passaggio al digitale delle aree del Nord del paese, e l’editoria che presenta un andamento stabile.

 Alberi di Natale, presepi, decorazioni per la casa: si fanno ma a caro prezzo. Tenere fede alla tradizione costa, quest’anno un po’ di piu’: comprare un albero e addobbarlo per intero quest’anno costa oltre 111 euro, il 3,8% in piu’ dello scorso anno. Solo l’albero vero costa il 4,6% in piu’ del 2009, un set di 100 luci costa il 5,5% in piu’. Anche per le decorazioni di casa si spende di piu’. Un set composto da luci per esterno, un centro tavola, una ghirlanda e due vetrofanie costa il 2,1% in piu’, per una spesa media di 53 euro. Le associazioni dei consumatori hanno svolto un’indagine rilevando i rincari dei prodotti della tradizione. Per il presepe si spende in media circa 117 euro, l’1,5% in piu’ del 2009, con i maggiori rincari che hanno riguardato gli accessori naturali (+14,2%), gli accessori per il fuoco (+4,7%) e i pupazzi grandi (+9,1% per il set).

I consumatori riuniti nella sigla Casper – Comitato contro le speculazioni e per il risparmio tornano a chiedere, attraverso un esposto, l’intervento dell’Antitrust in merito ai prezzi dei carburanti. Negli ultimi 10 giorni si e’ verificata infatti una serie sospetta di rincari alla pompa, che determina un aggravio di spesa per gli automobilisti pari a 2,3 euro a pieno, sia per la benzina che per il gasolio. Il timore e’ che tali aumenti dei prezzi non abbiano molto a che vedere con le dinamiche e le quotazioni internazionali che determinano i listini, ma siano il frutto di operazioni speculative, finalizzate a ottenere ingiusti vantaggi economici sulle spalle dei cittadini che si metteranno in viaggio per le festivita’. Del resto, non sarebbe la prima volta che in Italia si verificano rincari in occasione di esodi, ponti e festivita’.

L‘Antitrust condanna di nuovo Pool Pharma per Kilocal, l’integratore ingannevole. La multa da pagare ammonta a 200 mila euro. Ma non è la prima volta che l’integratore viene censurato: nel 2002, 2003 e anche nel 2004, a causa dello spot. Oggi, dopo una lunga istruttoria, l’Antitrust ha condannato la società produttrice perché lo slogan pubblicitario non solo è falso nelle promesse del prodotto, ma anche diseducativo per i giovani.

 

Maria Cipparrone

Print Friendly, PDF & Email