Posted on

Dagli elettrodomestici al mondo dell’infanzia, dal “gratta e vinci” all’ombrellone… che costa caro.


 

Apriamo questa rubrica con un’importante accordo di qualche giorno fa, intercorso con la Confartigianato Riparatori Elettrodomestici, l’Unione CNA Installazione ed impianti e l”Estendo’ spa che prevede, in caso di guasti di piccoli e grandi elettrodomestici, riparazioni rapide e convenienti. Basterà acquistare, infatti, insieme ai prodotti elettrici ed elettronici, un’estensione della garanzia originale per usufruire di interventi per riparazioni veloci, di alta qualità ed a costi contenuti, garantiti dalle parti che siglato all’accordo.

Per una maggiore tutela dei consumatori, è prevista anche la costituzione di una rete di monitoraggio per rilevare la qualità degli interventi e dei costi.

E passiamo ad un’altra notizia, decisamente diversa, ma che investe un settore delicato: l’infanzia.

Nella seduta del 1 agosto, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge della ministra per le pari opportunità, Mara Carfagna, che prevede l’Istituzione del Garante Nazionale per l’infanzia e l’adolescenza. Il Garante, oltre ad assicurare la piena attuazione della tutela dei diritti e degli interessi dei minori, avrà il compito di elaborare insieme all’Osservatorio del Servizio 114, politiche a favore dell’infanzia in relazione ai bisogni ed alle emergenze del nostro paese.

Compiaciuto di quest’iniziativa è il presidente del Telefono azzurro ONLUS, prof. Ernesto Caffo che loda al Garante anche perché allinea l’Italia agli altri paesi europei.

Compiti principali saranno quelli di controllare l’applicazione delle convenzioni internazionali e delle norme statali esistenti in favore dei minori, oltre ad una funzione propositiva nei confronti del Parlamento per l’adozione di provvedimenti e di azioni concrete per la salvaguardia dei minori, con la possibilità di segnalare ai tribunali minorili, situazioni di disagio, di maltrattamento e di abuso.

L’associazione a tutela dei consumatori, C O D I C I, informa di un’altra stranezza del Belpaese. Dopo aver scoperto, a seguito di un’indagine, che l’Italia detiene il primato mondiale della spesa in giochi e scommesse (in un paese a crescita zero, con i consumi che crollano e l’inflazione che galoppa), si è evidenziato che l’attrazione maggiore è data dal “Gratta e Vinci”. Posto che il gioco, in generale, è vietato ai minorenni, in riferimento alle macchinette erogatrici dei “gratta e vinci “, oltre alla dicitura “l’utilizzo della macchina è vietato ai minori di 18 anni”, non sussiste, da un punto di vista normativo, uno specifico divieto di vendita dei biglietti delle lotterie ad estrazione istantanea ai minori di anni 18.

E sul fronte vacanze, importante novità da parte del Garante per la Sorveglianza sui prezzi, che lancia l’operazione “Pomeriggio convenienza” che, in collaborazione con le associazioni degli stabilimenti balneari, consentirà ai consumatori, dopo le ore 14.00, di noleggiare ombrellone, sdraio e lettino, usufruendo di uno sconto del 50% da parte degli stabilimenti che aderiscono all’iniziativa che partirà già da questo mese di agosto in via sperimentale.

Il Garante, Antonio Lirosi, confida molto nel senso di responsabilità delle associazioni, auspicando un’adesione di massa all’iniziativa. Rimane il dubbio se i singoli stabilimenti balneari aderiranno all’invito del Garante e delle associazioni che hanno firmato l’intesa.

Maria Cipparrone

Print Friendly, PDF & Email