Posted on

Per riuscire a “levare il fumo alle schiacciate”.


Dizionario dei modi di dire – Lettera “L”

 


  • La montagna ha partorito un topolino: a grandi preparativi, sono seguiti risultati banali e insignificanti;

  • Lamentarsi del brodo grasso: lamentarsi senza motivo;

  • Lanciare un sasso nello stagno: suscitare polemiche e discussioni in una situazione, almeno apparentemente, tranquilla;

  • Lascia il tempo che trova: detto di cosa o di persona che non modifica nella sostanza una situazione;

  • Lasciarsi la polpa e l’osso: subire un danno gravissimo, rovinarsi;

  • Lasciare briglia sciolta: lasciare completamente libero e senza controllo;

  • Lasciare la lingua a casa: non voler parlare,; essere timido, taciturno;

  • Lasciare nella penna: tralasciare di scrivere ; omettere;

  • Lasciarsi piovere addosso: subire passivamente avvenimenti , disgrazie , prepotenze;
  • Lasciarsi schiacciare le noci in capo: subire , sopportare qualunque cosa senza ribellarsi.
  • Lavare col sangue: vendicarsi in modo cruento;
  • Lavare la testa all’asino: aiutare, favorire chi non se lo merita o chi è integrato;
  • Lavarsi come i gatti: lavarsi poco e male;
  • Lavorare ai fianchi: tormentare insistentemente qualcuno per convincerlo a fare quanto si desidera;
  • Lavorare di cesello: lavorare in modo accurato e preciso;
  • Lavorare di mano: rubare;
  • Lavorare per la cassetta: guardare solo all’aspetto economico della propria attività, trascurandone la qualità;
  • Lavorare sott’acqua: agire di nascosto; tramare;
  • Lavorare un tanto la canna: si dice di chi si impegna nel lavoro solo il minimo indispensabile;
  • Leccarsi le ferite: riflettere in solitudine sulle proprie disgrazie;
  • Legare la vigna con le salsicce: vivere in condizioni di grande agiatezza; potersi permettere di sperperare beni e ricchezze;
  • Leggere tra le righe: riuscire a capire , in uno scritto o in un discorso , quello che , più o meno volutamente, e’ lasciato sottinteso;
  • Levare il fumo alle schiacciate: essere molto abile, furbo e perspicace;
  • Levare il vino dai fiaschi : decidersi a chiarire una questione irrisolta , un problema rimasto in sospeso;.
  • Levare le castagne dal fuoco con la zampa del gatto : lasciare che gli altri si sobbarchino fatiche e rischi e, alla fine, godere i risultati del loro sforzo;
  • Levare le penne maestre: ostacolare qualcuno, togliendogli la possibilità di agire;
  • Levarle di mano (ai santi): comportarsi in modo così offensivo e provocatorio da giustificare una reazione violenta;
  • Levarsi la sete col prosciutto : fare qualcosa che ottiene un effetto contrario a quello desiderato – pagare cara la propria soddisfazione;
  • Levarsi una spina dal cuore : togliersi un pensiero , una preoccupazione;
  • Limare le unghie: rendersi inoffensivo;
  • Lisciare la coda al diavolo : affaccendarsi inutilmente;
  • Lisciare le penne: adulare , blandire – picchiare , rimproverare aspramente;
  • Lodare il mare e tenersi alla terra: lodare un comportamento che, personalmente, non si ha nessuna intenzione di adottare;
  • Lustrare le scarpe a qualcuno: adularlo;
  • Lustrarsi gli occhi : godere della vista di qualcosa di particolarmente bello.

 


…CONTINUA CON LA LETTERA “M”

 

Print Friendly, PDF & Email