Posted on

il regista Ken Loach ritorna con questo film, raccontando una storia d’amore senza etichette

Ritorna Ken Loach, il regista di Sweet Sixteen, con “Un bacio appassionato”, il nuovo film sulla vita e le genti della Scozia moderna. Tra passione, religioni, culture diverse e musica di Mozart, solo l’amore e la tolleranza reciproca possono salvare dal caos.

“Un bacio appassionato”, la poesia di Robert Burns è dedicata alla donna amata che deve abbandonare e canta il rimpianto del cuore, la rassegnazione, più che la collera nei confronti di una società che li costringe a separarsi.

Un bacio appassionato è la meditazione su una romantica storia d’amore ambientata nella comunità asiatica di Glasgow. L’intensità del legame fra Casim, Atta Yaqub, Roisin ed Eva Birthistle, è contrastata fortemente dalla diffidenza che la loro unione provoca nei due ambienti in cui vivono: quello musulmano e quello cattolico.

Il film, scritto a quattro mani da Loach e il suo ormai fedele amico Paul Laverty, è molto interessante. La vicenda amorosa dei due ragazzi, oltre a coinvolgere lo spettatore, diventa anche il mezzo per dare risalto a un probema attualissimo che ritroviamo nel conflitto tra la famiglie di Casim e l’ambiente di Roisin.

Questo è anche un film sull’identità inconsapevolmente imposta a un individuo dalla propria famiglia e dalla comunità. Si da risalto alla facilità con cui la società occidentale, in questo caso quella britannica, etichetta un ragazzo “musulmano” o “cattolico” senza alcuna remora, senza considerare ciò che quel ragazzo pensi della sua vita e della sua cultura. A differenza di “My Name is Joe” e “Sweet Sixteen”, gli altri due film di Loach, “Un bacio appassionato” è un film corale, non incentrato su un singolo individuo, ma in cui i membri della famiglia di Casim e le forze presenti nell’ambiente di Roisin, hanno un ruolo di spicco accanto a quello dei due amanti.

Loach e Laverty, partendo da un argomento antico ma sempre attuale, raccolgono in un singolo film le vicende e le conseguenze di due fatti tra i più tragici del mondo: la partizione avvenuta in India nel ’47, quando milioni di musulmani furono costretti e emigrare in Pakistan a causa dei terribili conflitti tra musulmani e hindù e l’attentato al WTC che ha cambiato radicalmente la vita di tutti. La straordinarietà dei due autori sta nell’averlo raccontato con leggerezza e romanticismo aiutati anche da una colonna sonora da brivido.

Roberto Cecere

Print Friendly, PDF & Email