Posted on

“Anche gli effetti speciali 3D ora viaggiano online. La rivoluzione del rendering parte dall’Italia“.

Italia, finalmente regina nel rendering.

A Como è stato sviluppato e brevettato il primo software di Render Farm ON LINE. E’ sulle rive del tranquillo lago di Como che un team di programmatori e web design, giovani ed intraprendenti, Marco Santelli, Jacopo Faverio e Diego Franciosi, sono riusciti a sviluppare un software che rivoluzionerà operativamente ed economicamente il business degli effetti speciali 3D. E’ di questi giorni il successo di “Star Wars” e gli effetti speciali ne sono i protagonisti.

Ma come funziona questo mondo?

<Da oggi è possibile svolgere tutto il lavoro direttamente on line collegandosi al nostro servizio>>.

L’utilizzo di Tsunami è estremamente semplice ed intuitivo. La gestione del software (framework) inizialmente vuole la piattaforma Microsoft. Tuttavia questa non è una limitazione in quanto i programmi più utilizzati per le creazioni 3D (Softimage XSI, Maya, 3D Studio Max) lavorano tutte su questa piattaforma.

Il motore di rendering utilizzato è Mental Ray.

Sono infine rispettati molteplici aspetti della sicurezza (password e nome-utente) associati a quattro diversi livelli di autorizzazioni supplementari, in relazione alla competenza specifica dell’operatore di ogni progetto o gruppo di lavoro.

Il software prevede inoltre la “renderizzazione in remoto” ed il content managment. Questo aspetto interessa le grandi aziende perchè potranno distribuire i carichi di lavoro tra più e diverse render farm, tanto interne quanto esterne. Inoltre anche i contenuti 3D potranno essere condivisi ed interscambiati. Le novità sono molteplici ed il mercato non tarderà a riceverne i vantaggi.

Se nel mondo della computer grafica l’America è stata sino ad oggi la fornitrice ed ideatrice principale, oggi l’Italia segna un punto di non poco conto.

Lo studio infatti di un tal progetto rientra nei piani di sviluppo delle maggiori aziende americane ma a Como ci sono arrivati. Per una volta.

Amalia Di Bartolo

Print Friendly, PDF & Email