Posted on
In questo scorcio d’anno, vogliamo proporvi i consigli di un grande esperto della cucina italiana, per godere meglio il rapporto con due elementi culinari che scalderanno le vostre serate di festa
Sui dolci vanno serviti vini liquorosi o profumati, dolci o amabili naturali:
Aleatico di Portoferraio;
Alicante liquoroso;
Anghelu Ruju;
Dorato di Sorso;
Lacrima Christi liquoroso;
Montilla Moriles;
Malaga;
Torcolato di Breganze;
Vin Santo;
Picolit;Torbato passito;
Malvasia di Lipari o di Nus.
È un errore servire sui dolci lo Champagne brut e gli spumanti secchi in genere, giacché il loro bouquet ed il loro gusto delicato vengono senz’altro distrutti dal gusto dolce.Lo Champagne brut va servito preferibilmente come aperitivo, nel mezzo del pasto, oppure a fine pasto.Nessun vino sulla cioccolata e sulle torte e pasticcini alla cioccolata, poiché, col suo gusto di particolare rilievo e personalità, essa sovverte l’ambiente degustativo ed il vino, bevuto sopra, avrebbe quindi sapore distorto.
Luigi Carnacina
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *