HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il nuovo autoritarismo
di Gianluca Ion  ( info@ionaonline )

13 ottobre 2002

Viviamo un'era straordinaria, in cui il progresso cresce con rapidità esponenziale; la prosperità in 250 anni è aumentata più che nei diecimila anni precedenti. Poiché la nostra aspettativa di vita è molto più alta, il tempo che trascorriamo al mondo è un sesto dell'intero tempo trascorso dall'umanità. E in questo sesto del tempo vediamo, facciamo, pensiamo più dei nostri predecessori. Alla base di tutti i nuovi scenari sta la "globalizzazione" dell'economia che, tramontate le ideologie, sembra essere guidata dai grandi gruppi finanziari multinazionali. In questo contesto per il "lavoro" si è aperta l'età della diseguaglianza , perché la globalizzazione pone in concorrenza i lavoratori del mondo, stabilendo un bipolarismo tra circuiti di top managers, dove gli stipendi vanno alle stelle e dall'altra il circuito dei prestatori d'opera dove le retribuzioni vengono compresse verso il basso. La "Sanità", per gli enormi costi imposti dalle nuove tecnologie e dall'invecchiamento della popolazione, si dirige verso il tramonto del Welfare. Il "crimine" si espande ovunque, proprio per l'allargarsi delle diseguaglianze, ed anche quella parte della popolazione un tempo garantista e libertaria viene spinta verso forme di autoritarismo ed intolleranza. Le politiche di governo, le strategie di mercato, le tecniche di organizzazione del personale si assomigliano tutte, perché plasmate sulle società di consulenza delle multinazionali. Esse pianificano e livellano tramite l'azione di predicatori liberisti. Il nuovo ordine economico mondiale si regge sulla forza del danaro. non occorre più, quindi, la politica, perché le leggi vanno interpretate. E la loro applicazione spetta ai tecnici dell'economia...PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO


 

Viviamo un’era straordinaria, in cui il progresso cresce con rapidità esponenziale; la prosperità in 250 anni è aumentata più che nei diecimila anni precedenti. Poichè la nostra aspettativa di vita è molto più alta, il tempo che trascorriamo al mondo è un sesto dell’intero tempo trascorso dall’umanità.
E in questo sesto del tempo vediamo, facciamo, pensiamo più dei nostri predecessori. Alla base di tutti i nuovi scenari sta la "globalizzazione" dell’economia che, tramontate le ideologie, sembra essere guidata dai grandi gruppi finanziari multinazionali. In questo contesto per il "lavoro" si è aperta l’età della diseguaglianza , perchè la globalizzazione pone in concorrenza i lavoratori del mondo, stabilendo un bipolarismo tra circuiti di top managers, dove gli stipendi vanno alle stelle e dall’altra il circuito dei prestatori d’opera dove le retribuzioni vengono compresse verso il basso.
La "Sanità", per gli enormi costi imposti dalle nuove tecnologie e dall’invecchiamento della popolazione, si dirige verso il tramonto del Welfare. Il "crimine" si espande ovunque, proprio per l’allargarsi delle diseguaglianze, ed anche quella parte della popolazione un tempo garantista e libertaria viene spinta verso forme di autoritarismo ed intolleranza. Le politiche di governo, le strategie di mercato, le tecniche di organizzazione del personale si assomigliano tutte, perchè plasmate sulle società di consulenza delle multinazionali. Esse pianificano e livellano tramite l’azione di predicatori liberisti. Il nuovo ordine economico mondiale si regge sulla forza del danaro. non occorre più, quindi, la politica, perchè le leggi vanno interpretate. E la loro applicazione spetta ai tecnici dell’economia.
Nel confronto "tecnici contro politici" la vittoria risulta ai primi, in modo schiacciante... ma apre la strada a quello che può essere definito il moderno autoritarismo, perchè il potere dei tecnici non risponde democraticamente a nessuno, non tollera contestazioni e servizi. Questo autoritarismo moderno rievoca il Big Brother orwelliano. Morale e giustizia hanno contorni sempre più soft e si informano sulle idee dei vincitori, finendo per essere mezzi di controllo sociale e base per la delegittimazione della politica. I partiti vengono smantellati per effetto degli scandali (vedi il tallone d’Achille degli illeciti finanziamenti). Una Mani Pulite Internazionale sta "privatizzando la politica" che, svuotata dell’ideologia, dei finanziamenti, del prestigio, diventa subordinata ai poteri economici forti. Viene affidata a dirigenti senza carisma, burattini delle lobbies e costruiti dai mass media. La sostituzione della politica con i tecnici dell’economia ha avuto un passaggio emblematico nell’elezione a capo dello Stato di Ciampi, ex governatore della Banca di Italia. La democrazia vive un pericolo reale, la rivoluzione che viviamo è finta e la soglia di attenzione che dobbiamo tenere per difendere la democrazia è alta.

Gianluca Ionà - Movimento Consumatori Regionale

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Assalti...
Non può esistere l’una, senza l’altra.
Un passato da tenere pancia a terra.
Cose nostre...
Canis canem edit.
I fuochi di... Natale!
Dall’angolo dove ci si dimentica del loro valore.
Maschere teatralmente scomposte.
Giù la testa?
Quel pasticcio chiamato QMO...
La pedagogia della nonna...
Coscienze vaganti e salvadanai selvaggi.
Pontifichiamo?
Violenza e viltà .
Non c’è pace fra gli ulivi!
Complici e vittime plaudenti.
Alitalia...
La rivincita dei senior?
L’economia, gira con te?
Corsi e ricorsi storici...
DELLO STESSO AUTORE
Sterzo, ruote e pneumatici
Cambiare il mondo senza prendere il potere
Alfa Romeo 147 1.9 JTD - 16 V Distinctive 5 P
Citroen C3 Pluriel 1.4 Pack Techno.
Land Rover Freelander 2.0 Td4 .
Nissan Micra 1.5 dCi
La devolution
Volkswagen Touran Highline.
La nostra opinione su Ford Fiesta 3 P.
Renault Scenic 1.9 dci Luxe Dynamique.
La nuova Idea della FIAT
Le novità Honda 2005.
Michelin e la Pac.
Motore & Cambio
Lancia Musa
Politica.
Opel Agila 1.3 CDTI.
MG ZR Diesel
Kia Sorento 2.5 CRDi Ex Top.
Mazda RX 8
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione