HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Deglobalizziamo?
di Gianluca Ion  ( info@ionaonline )

30 settembre 2002

La globalizzazione ha mietuto vittime nel Sud del mondo. Il famigerato WTO (World Trade Organization)per rimediare a questa atavica colpa deve legittimare i Paesi del Sud del mondo, troppo penalizzati. Dietro l'azione del WTO si intravede l'ombra della longa manus statunitense : le modalitą di esercizio del suo potere, con la sua egemonia apparentemente intoccabile, hanno impattato negativamente l'economia e la politica globale. L'ultima decade del Ventesimo secolo ha glorificato il nuovo sistema economico mondiale: la nascita delle grandi societą transnazionali, simbolo della libertą di mercato, (che nelle attese di molti avrebbero abbattuto confini anacronistici),ed il WTO, creato a metą di questo decennio per fornire la giustificazione legale a tale sistema, (in interazione col FMI - Fondo Monetario Internazionale - e con la Banca Mondiale).In realtą gli accordi del WTO hanno favorito il monopolio americano, anzichč la prosperitą globale. La crisi della grande impresa, il cui potere rappresentava una dimensione del potere statunitense, era la dimostrazione che in un mercato privo di regole diventava arduo riconciliare le richieste di responsabilitą sociale con le ragioni del profitto. Con la crescente illegittimitą della globalizzazione e con una forbice sempre pił ampia fra Nord e Sud del mondo, emerge l'idea della deglobalizzazione?PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO.






 

La globalizzazione ha mietuto vittime nel Sud del mondo. Il famigerato WTO (World Trade Organization)per rimediare a questa atavica colpa deve legittimare i Paesi del Sud del mondo, troppo penalizzati. Dietro l’azione del WTO si intravede l’ombra della longa manus statunitense : le modalitą di esercizio del suo potere, con la sua egemonia apparentemente intoccabile, hanno impattato negativamente l’economia e la politica globale. L’ultima decade del Ventesimo secolo ha glorificato il nuovo sistema economico mondiale: la nascita delle grandi societą transnazionali, simbolo della libertą di mercato, (che nelle attese di molti avrebbero abbattuto confini anacronistici),ed il WTO, creato a metą di questo decennio per fornire la giustificazione legale a tale sistema, (in interazione col FMI - Fondo Monetario Internazionale - e con la Banca Mondiale).In realtą gli accordi del WTO hanno favorito il monopolio americano, anziché la prosperitą globale. La crisi della grande impresa, il cui potere rappresentava una dimensione del potere statunitense, era la dimostrazione che in un mercato privo di regole diventava arduo riconciliare le richieste di responsabilitą sociale con le ragioni del profitto.
Con la crescente illegittimitą della globalizzazione e con una forbice sempre pił ampia fra Nord e Sud del mondo, emerge l’idea della deglobalizzazione. Essa consiste nel riorientamento delle nostre economie da una produzione dell’esportazione ad una produzione per il mercato locale, nella ridistribuzione del reddito e della terra per creare un vivace dibattito interno, nel massimizzare l’equitą e nel decidere l’economia di mercato in maniera democratica, sottoponendo al controllo della societą civile il settore privato e lo Stato. Ed ancora nel creare un nuovo sistema di produzione e di scambio che includa le cooperative comuni, le imprese pubbliche e private ed escluda le societą transnazionali. Insomma un sistema che privilegi la solidarietą sociale alla logica del mercato.

Gianluca Ioną (Presidente del Movimento Consumatori di Catanzaro)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’indifferenza del sangue.
Il colore dell’abbandono.
Venti di guerra - I conflitti del Medio Oriente
Assalti...
Uno per tutti, tutti per uno (tanti partiti, un solo interesse)
Conoscenza e solidarietą.
C’era una volta...
Certezza della pena e interesse collettivo.
Chi voterņ...
Unica vera risposta: la formazione.
Potere e volere....
Hic sunt leones.
Natale di trasformazione.
Quando a morire č il sistema...
Dialogando...
Mondi paralleli.
Il triello.
Vivere
Come mai...
Tasse: cui prodest?
DELLO STESSO AUTORE
Dalla parte della pace.
Mazda 2.
Nissan Micra 1.4 Acenta 5p
Il cambio di velocitą.
Il nuovo autoritarismo
Nei meandri della Sanitą
Michelin e la Pac.
Cityrover.
Volkswagen Touran Highline.
Trasporto pesante
Kia Sorento 2.5 CRDi Ex Top.
L’11 Settembre...
Che cos’č il privilegio?
Honda Jazz Graphite.
Politica.
Hyunday Coupč
La nuova Alfa 156.
La nuova Lancia Ypsilon
Prius Toyota.
La devolution
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione