HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Errare humanum est!
di Raffaella Rende  ( info@lastradaweb.it )

6 luglio 2002

Imparare dagli errori, dai propri errori, è una dote rara quanto preziosa; non tentare nemmeno di farlo è, però, peccare di presunzione, di quella presunzione che non fa crescere e che non aiuta ad essere ciò che potremmo essere. Ammettere di aver sbagliato, assumersi le proprie responsabilità è da uomini; fuggire, tagliare la corda, non avere il coraggio di guardarsi allo specchio è da ignavi: è proprio di chi, talmente sicuro di non commettere mai errori, non si rende conto di essere, così, già in errore. L'arroganza, la superbia, la tracotanza, sono ormai diventati strumenti per mostrarsi ciò che non si è: è lepoca dell'uomo vincente a tutti i costi, che manca di rispetto, che alza la voce, che giudica l'intero genere umano (guardandosi bene, tuttavia, dall'includervi se stesso) è dell'uomo convinto più che mai di avere davanti una vita che sarà sempre un successo, perché è soltanto a questo che aspira. Sè, è vero, è necessario per ogni uomo affermarsi nella vita, essere soddisfatto di ciò che si è, ma sempre nel rispetto di se stessi prima e degli altri poi: l'affermazione di sè ne presuppone un'adeguata conoscenza, che non può prescindere mai dal mettersi a nudo, dal riconoscere i propri errori e dal fare di tutto perchè questi non abbiano a ripetersi. Se siamo sinceri con noi stessi, se abbiamo il coraggio di affrontare lo specchio - non solo quello che ci giudica fisicamente, ma quello dell'anima - per non nasconderci nulla della nostra esperienza di vita, allora, davvero, avremo fatto un passo avanti nella costruzione del nostro essere... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCA SUL TITOLO


 

Imparare dagli errori, dai propri errori, è una dote rara quanto preziosa; non tentare nemmeno di farlo è, però, peccare di presunzione, di quella presunzione che non fa crescere e che non aiuta ad essere ciò che potremmo essere. Ammettere di aver sbagliato, assumersi le proprie responsabilità è da uomini; fuggire, tagliare la corda, non avere il coraggio di guardarsi allo specchio è da ignavi: è proprio di chi, talmente sicuro di non commettere mai errori, non si rende conto di essere, così, già in errore. L’arroganza, la superbia, la tracotanza, sono ormai diventati strumenti per mostrarsi ciò che non si è: è l’epoca dell’uomo vincente a tutti i costi, che manca di rispetto, che alza la voce, che giudica l’intero genere umano (guardandosi bene, tuttavia, dall’includervi se stesso)... dell’uomo convinto più che mai di avere davanti una vita che sarà sempre un successo, perché è soltanto a questo che aspira. Sì, è vero, è necessario per ogni uomo affermarsi nella vita, essere soddisfatto di ciò che si è, ma sempre nel rispetto di se stessi prima e degli altri poi: l’affermazione di sé ne presuppone un’adeguata conoscenza, che non può prescindere mai dal mettersi a nudo, dal riconoscere i propri errori e dal fare di tutto perché questi non abbiano a ripetersi. Se siamo sinceri con noi stessi, se abbiamo il coraggio di affrontare lo specchio - non solo quello che ci giudica fisicamente, ma quello dell’anima - per non nasconderci nulla della nostra esperienza di vita, allora, davvero, avremo fatto un passo avanti nella costruzione del nostro essere, avremo aggiunto un elemento nuovo e fondamentale per la crescita dell’anima; avremo trasformato, col solo aiuto di noi stessi, un fatto negativo (qual è quello di aver commesso un errore) in un evento utile e quanto mai essenziale per la vita. Gli errori quasi sempre si pagano, ma se sapremo imparare da essi l’umiltà di ammettere di aver sbagliato, allora vorrà proprio dire che ci saremo meritati... uno sconto!

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La speranza che non tutto è perduto.
Calabria ora...
Riemergenza?
Mare da bere?
L’urlo, ora, si è disperso.
La dignità del Cadetto.
Giustizia che trasforma.
Non si finisce mai d’imparare...
L’indifferenza del sangue.
La paura di chi comanda, frena lo sviluppo.
C’era una volta...
Ragazzi, la vita non e’ un palcoscenico!
L’interiorità del macrocosmo...
La caduta degli Dei.
Vuoti a perdere...
Recuperare il valore delle proprie risorse.
Un pianto dignitoso.
Rave party e danza della sordità.
Pontifichiamo?
Ferie e intemperie.
DELLO STESSO AUTORE
Per favore...lasciateci in pace!
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione