HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
COSI’ PICCOLI ... COSI’ GRANDI
di Katia Caprarelli  ( katia.caprarelli@tin.it )

14 giugno 2002

Quanta energia è nei nostri figli... pronta a manifestarsi in mille sfumature diverse... a stupirci ... a rallegrarci... e, sotto sotto, a inorgoglirci.... E quanta disarmante semplicità è nelle loro riflessioni...


 

Quanta energia è nei nostri figli... pronta a manifestarsi in mille sfumature diverse... a stupirci ... a rallegrarci... e, sotto sotto, a inorgoglirci.... E quanta disarmante semplicità (logica inconfutabile) è nelle loro riflessioni...

Potremmo e dovremmo imparare da loro l’essenza del vivere secondo natura (logica, madre del nostro benessere psico-fisico)... Basterebbe riflettere su quali sono i motivi di sofferenza dei nostri figli (i più piccoli)... capire, in altre parole, cosa li induce ad attirare la nostra attenzione con il pianto : la mancanza del necessario, ovvero il mancato appagamento dei bisogni primari... non vi è nel loro lamento un sotterfugio malizioso (comportamento così frequente tra noi adulti da indurci a proiettarlo anche su esseri umani "puliti").

I bimbi sono felici con poco... mentre noi adulti siamo spesso infelici (o almeno insoddisfatti) pur avendo tanto... Occorre quindi rimettersi in discussione e dimostrare loro di saper ancora ascoltare... cambiare ... crescere...

Qualche tempo fa mi trovai a soffrire per amore ( a chi non è capitato !?) e mi sentii consigliare da una amica (adulta) un rimedio di sicura efficacia (a suo dire) per la mia sofferenza: << un bel viaggio ... è quel che ti ci vuole !>>. Incredibile vero ? Fu come bussare ad una porta per chiedere acqua e ricevere un vaso cinese ...

Ma quando è stato che noi esseri umani abbiamo perso confidenza con la nostra natura? Proprio da piccoli crescendo in un mondo che ci inculcava, via etere e non, il "finto bisogno" del desiderio... ma anche quando, ad esempio, la nostra richiesta di affetto metteva così in imbarazzo alcuni austeri genitori da indurli a sviare la nostra attenzione dal bisogno in questione ad una "neutra" compensazione (un dolcetto, un giocattolo ...e quant’altro). E pensare che questo è solo uno dei tanti esempi possibili...

Fortunatamente, oggi, i nuovi genitori sono più evoluti, e riescono a soddisfare i bisogni dei propri figli, capendo che , tra un appagamento e l’altro, c’è qualcosa di ancora più subdolo da dover prevenire e non sottovalutare: la noia. Il bambino piccolo ci comunica sempre il disagio provato per il sopraggiungere della noia (mentre noi adulti non la percepiamo che quando , al culmine, proviamo una fastidiosa insoddisfazione , un inspiegabile cambiamento d’umore... e diventiamo irritabili ...). La noia produce sofferenza poiché è obbligo dell’energia (quindi anche di quella vitale umana) di produrre un effetto... Ma se l’utilizzo dell’energia non è correttamente indirizzato l’effetto prodotto può essere un danno piuttosto che un beneficio... Quante volte ci è capitato di pensare nei confronti di una persona molesta :<< ma questo/a non ha proprio niente di meglio da fare che darmi fastidio ? >> ... Corretta valutazione... e lapalissiana risposta... Se tutti avessimo dei sani interessi da coltivare, e su cui convogliare la nostra energia vitale umana non ci sarebbe tanta violenza... e/o odio e/o disagio sociale (droga, vandalismo... ecc) !

La noia è la resa della psiche, è il lasciarsi andare nella vita senza cercarne il senso e la pienezza... cullandosi nel dannoso far nulla... mentre l’energia vitale umana da amica ci diventa nemica e rompe i nostri equilibri interni producendo disagio mentale spesso neanche percepito (dannoso per noi e per gli altri) e fisico (i vari malanni)...

Sono i nostri figli a "chiederci" di ... crescere con loro...

 

N.d.A.

Per tutti i concetti (appena accennati ) riguardanti : l’energia vitale umana, la logica, i bisogni dell’essere umano ... suggerisco un opportuno approfondimento ... mediante i testi del Dott. Giovanni RUSSO (Scienziato - Psicoterapeuta - Medico) ... autore della Teoria P.E.A.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Uno - R. Bach
Un giorno qualsiasi.
Gli occhi pieni di pianto.
Una strana sensazione.
Cara letterina di Natale...
Nando Aloisio
Vorrei scrivere...
Accordare parole e pensieri.
Accadueò.
La miseria di un ritorno.
IL Fine Settimana !
Quell’estate...
Vi è mai capitato?
E’ Primavera!
Allora, cos’è che ancora sfugge?
Pasqua...
Sabbie mobili
Allontanandomi stoicamente...
Lo psicanalista immaginario.
Troppo speciale...
DELLO STESSO AUTORE
CONSAPEVOLE ED INCONSAPEVOLE (avanzamenti metodologici di G. Russo)
Scegliere o non scegliere...
Tu lo dovevi capire...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione