HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Violenza...
di Lucio Garofalo  ( l.garofalo64@gmail.it )

5 agosto 2019



Natura” o “Cultura”?



La voce del grillo

A proposito del tema della violenza, a 18 anni di distanza dal 2001, vengono rievocate le drammatiche giornate di Genova, segnate dalle terribili violenze della repressione poliziesca, dall’assalto alla scuola Diaz, dalle torture nel carcere di Bolzaneto, dall’assassinio di Carlo Giuliani, ecc.

Certo, bisogna citare anche le "violenze" dei black-block (e su tali vicende servirebbe ancora far luce, dato che sussistono tuttora molte zone d’ombra), violenze che sono un parto degenere di un sistema putrido ed incancrenito, capace di produrre in quantità industriale violenza, odio e distruzione, nella misura in cui ne ha bisogno come l’aria che respiriamo, per giustificare la sua esistenza.

Insomma, queste vicende sono strettamente legate da un denominatore comune: la violenza.

Sull’argomento vale la pena spendere almeno qualche parola per un ragionamento storico, critico e politico il più possibile rigoroso. Io ci provo, partendo dal mio punto di vista e avvalendomi delle mie capacità analitiche e delle esperienze.

La violenza, intesa come un comportamento individuale, ha un suo fondamento profondo e complesso, insito nella struttura sociale. Ad esempio, nella realtà capitalista, la violenza del singolo, la ribellione giovanile apparentemente senza causa, il vandalismo, il teppismo negli stadi di calcio, o durante una manifestazione, la criminalità comune, la perversione di soggetti definiti "mostri", sono sempre il frutto marcio di una struttura sociale che ha bisogno di produrre odio e violenza.

Sono la manifestazione di un contesto sociale che, per sua natura, crea conflittualità, concorre alla depravazione dell’animo umano, che in tal modo viene ad essere condizionato dall’ambiente esterno.

Dunque, la violenza non è una questione di malvagità individuale, ma è un tema sociale, costituisce la facciata fenomenica dietro cui si camuffa la violenza organizzata e legale, o istituzionale, della società, dello Stato: è lo strato superficiale ed esteriore, sotto cui giace ed incancrenisce la corruzione, il male, il marciume dell’ordine costituito. In effetti, è difficile determinare la violenza come un comportamento di tipo etologico, immutabile, dell’essere umano, in quanto è la natura stessa dell’ordine sociale, il principio che genera i criminali, i violenti in quanto singoli individui, che sono spesso i soggetti più vulnerabili sotto il profilo psichico ed emotivo.

La visione che attribuisce alla "cattiveria umana" la causa dei mali del mondo, è un’ingenua e volgare mistificazione culturale. Il tema della violenza è talmente vasto, complesso ed enorme, da rivestire un’importanza centrale e prioritaria nell’ambito dello sviluppo storico dell’intera umanità

Lucio Garofalo

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Elemosine e Raccolte Mass-mediatiche: Ŕ tutto un Business?
I 59 anni della Rivoluzione cubana.
L’azienduola.
Autostrade!
Il docente.
Nei meandri della SanitÓ
L’aggiustizia italiana.
La buona Scuola.
Solo lamentarsi...
La realtÓ di questa crisi?
Polveri nocive...
Su Pasolini...
Nella nuova Scuola...
SturmTrump...
Appello al voto.
Trasporto pesante
La giustizia giusta...
Un governo di classe.
La medicina amara del dottor Monti.
Dopo i blitz di Cortina e Milano...
DELLO STESSO AUTORE
I docenti...
La realtÓ di questa crisi?
Il Corvo...
Il pericolo per la Democrazia.
Su Pasolini...
Il ruolo dell sinistra...
I Test INVALSI.
Il docente.
Bullismo scolastico...
Della Guerra...
Pasolini...
Il Vangelo, secondo...
Il gioco del calcio.
Omaggio a Pier Paolo Pasolini.
Risolvere la crisi....
Riflessioni sulla campagna elettorale in corso.
Il conflitto sociale in Francia...
Renzi...
SturmTrump...
Accozzaglie politiche.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione