HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il valore della vita.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

3 agosto 2019






Si vive anche per questo....


Pensieri degli anni difficili.

Il bosco delle lucciole. Favoloso. A bocca aperta, resto a bocca aperta strapiena di stupore. Mai così tante ne avevo viste. Mai, nemmeno quando a guidarmi era la sua mano, forte e piena di grande vitalità.

Sere magiche d’estate, più passano gli anni più difficile riconoscerle sul momento: si vivono gli istanti inconsapevolmente e tornano indietro dopo, restituendo tutta la loro bellezza. Come quella di una domenica sera di poche settimane fa, nemmeno troppo tarda, costellata da centinaia di puntini luminosi in ogni punto, in ogni angolo, ovunque si spostava lo sguardo.

Anche per questo, si vive anche per questo.

Quando la malinconia incontra il tenue celeste al tramonto e un raggio di luce vuole ancora vivere donando il suo rosso più bello al cielo, si vive anche per questo.

Il percorso a spirale circolare mi riporta nello stesso identico punto di 10 anni fa, anche se il bagaglio del mio vissuto è molto più ricco ora: qualche graffio in più, un bel po’ di illusioni svanite e una bella ferita nel cuore. Che proprio non vuole rimarginare.

Veramente libera. Posso dire di avere fino ad ora vissuto in libertà. Amo quello che faccio, riesco a trovare il bello anche nell’ostilità degli ambienti, dedico ogni momento del mio tempo a quello che più amo. Mi lascio guidare dal grande trasporto verso l’affetto più tenero. E pregusto il futuro.

Ma … Come accade ormai sempre più in me, non riesco a chiudere le porte.

Fortunata, perché la vita mi ha dato l’opportunità, che ho saputo cogliere, di soddisfare la mia sete di sapere e nello stesso tempo la voglia inesauribile di continuare ad imparare.

Anche per questo, si vive anche per questo.

Eppure … La stessa identica paura alle porte delle vacanze, come ogni anno, come ormai avviene da più anni. Sono gli addii o anche gli arrivederci che non riesco proprio ad affrontare.

Un passo avanti, un rapido strattone indietro.

So già che fra qualche anno avrò nostalgia di questi momenti, di questo sconforto, della mia solitudine.

Sempre troppo nello stesso istante. Una pausa di riposo non riesco proprio a tollerare, anche quando le palpebre si abbassano senza dare la forza di abbandonarmi.

È inutile resistere. È scritto nel mio codice genetico e poco o nulla posso fare se non che tenermi questa insoddisfazione quando sento di non avere bene speso il mio tempo.

Tempo, tempo, tempo.

La rigidità.

Guardo indietro e mi accorgo di quanto ammorbidita si sia la mia persona, anche se spesso trovo nei miei pensieri un giudizio da modificare, un legame da ricucire, una mano da riafferrare.

Sempre più mi affido al mio sentire. Non posso ignorare quello che i miei sensi comunicano. Sfuggo per non trattenere e me ne pento subito dopo, immediatamente.

Al chiaro di luna …

Come un tempo ora abbastanza lontano decido di cominciare nella stessa maniera. In musica, all’aria aperta, in riva al mare, senza dover tornare, senza seguire le ore che passano.

Un po’ di allegria, un po’ di malinconia.

Pur sempre vivendo

Fernanda





SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Parole...
Il giorno dopo.
Il Pensiero...
In me stessa.
Dentro gli occhi.
Non riusciva a vedere la luna...
Nella fantasia.
Il potere della suggestione.
La vita segreta del calzino.
L’ultimo dell’anno,
Il gioco delle stelle.
Il profumo del ricordo...
Runner.
Ritrovarsi...
Qualcosa di naturalmente diverso.
La sofferenza nascosta.
La consapevolezza.
Ricomincio da tre...
La freschezza.
La necessitÓ di rimanere con se stessi.
DELLO STESSO AUTORE
L’anima delle cellule.
La linea di demarcazione.
╚ sempre con me.
Microglia ed infrasuoni.
La corteccia.
E forse un giorno...
Voglio cambiare colore e penna!
Un po’ di fiducia.
Il viso nella pioggia.
Note di tenerezza.
Il contatto naturale col mondo.
La passione.
La poesia nella luna.
Sentimenti.
Per paura di sciuparlo.
Tracce mnemoniche.
Pi¨.
Vivere.
Schizofrenia e autismo.
Fotografie.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione