HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il recinto rionale.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

28 giugno 2019






Finalmente il buio.


Pensieri degli anni difficili...

L’ordine alfabetico.

Quest’oggi mi sveglio con questo pensiero e, scansando in uno snervante zig-zag l’umore degli altri, cerco di farmi strada senza troppo graffiarmi.

È questa la seconda settimana, di seguito, in cui le “prendo” da tutte le parti.

Ci sono dei periodo della vita in cui la casualità dei vari eventi si ritrova nello stesso identico momento e agisce amplificando l’effetto cercato. Che è da ritrovare sempre nella gestione della propria aggressività, nell’impossibilità del controllo della stessa e nella conseguente fuoriuscita dilagante e distruttiva.

Raccolgo i pezzi, mi fermo a raccoglierli facendo i conti con il mio corpo, che ne esce martoriato dal naturale effetto di protezione.

Penso al mio modo di agire cercando l’errore ed entro in un loop fatto di tappe: le buone maniere, l’impulsività che mi sfugge, l’entusiasmo del nuovo, la pazienza perduta.

A complicare le cose l’istante di sconforto legato al cambiamento, che proprio non riesco ad accettare. In una fase della vita in cui riesco a commuovermi anche innanzi ad un edificio che ha chiuso i suoi cancelli fino alla fine della stagione appena iniziata.

Mi prendo in giro e nello stesso tempo ho compassione per me stessa.

Bene, questo è un buon inizio per questo inizio di giornata di inizio settimana in cui mi ritrovo senza alcuna possibilità di aprire un varco alle mie parole.

Un silenzio che opprime, annientando sempre più il senso della solitudine che dilaga intorno ad ognuno di noi.

Ancora una volta la soluzione nella creatività, che sia in un contesto accademico, che sia nella sicurezza della mia casa.

Il corpo si ribella, infliggendo una punizione che diventa la somma di tante trascuratezze. E ne pago tutte le conseguenze.

Nel sottoscala della mia memoria intravedo un abbraccio mai dimenticato e, con la luce che filtra dall’alto, lieve a me la sensazione della presenza.

Ancora a me.

Sfiorarsi, ricordando l’andato e con la consapevolezza che nulla si può più.

Comodo restare incastrati all’interno di un perimetro delimitato dai muri dei propri limiti. Nessuna compassione, semmai la certezza che se nella vita non ci si impegna andando “oltre”, si rimane ingabbiati nelle proprie debolezze a piangersi addosso.

Tutte le ore del mare.

Osservo la luce che cambia i suoi riflessi in superficie. Annuso l’odore di onde. Respiro aria fresca di estate appena iniziata.

Anche questa. La sempre più difficile stagione dell’anno, i cambiamenti determinanti, quelli che hanno fatto il corso deviato della mia vita, i sorrisi più belli dai quali ho tratto linfa vitale in ogni istante in cui ci si sta perdendo. E poi l’equilibrio …

Leggo le dolci parole disegnate sulle delicate note di una bella melodia che mai mi stancherò di ascoltare, in questa sera fresca, bella e un po’ malinconica. Dall’esterno le voci divertite di bambini per strada, le luci soffuse che proiettano le loro ombre sui muri infuocati dal sole del giorno trascorso.

Finalmente il buio.

La luna, che tiene per mano il suo tenero compagno di queste notti fatate, ad indicare la strada. Mi addormento di un sonno leggero popolato dagli affetti passati e che ancora dovranno arrivare.

Fernanda



SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La prepotenza.
La violenza della morte.
La strada tracciata.
╚ sempre con me.
Una serata di pensieri.
Il Pensiero...
Come una favola.
Imprevisti.
La costruzione.
La bugia.
E forse un giorno...
In me stessa.
Come se niente fosse.
Per sÚ. E per nessun altro.
Un sogno inespresso.
La forma del triangolo.
L’importanza della vita.
Il silenzio intorno a me.
Dalla finestra.
Pur amando il sole.
DELLO STESSO AUTORE
Due zingari...
DNA e diagnosi tumorale.
Lasciarsi andare...
La corteccia.
La genetica delle decisioni.
La neurobiologia della saggezza.
Gap.
La fuga.
Maschi.
La linea di demarcazione.
Le sbandate non controllate.
Ossitocina...
Il ricordo della paura..
Da vivere e da inventare.
Un elefante...
Un prato di margherite...
La forza in sé.
La scelta giusta.
Runner.
Una notte di un’estate speciale...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione