HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
E’ uno schifo ma...
di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it )

30 maggio 2019



E' proprio bello!


Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Il nostro idioma, gentil sonate e puro, per dirla con l’Alfieri, è ricco di parole omofone (stesso suono) e omografe (stessa grafia) ma di significato diverso. Una di queste è loschifo: ripugnanza, ribrezzo e battello di piccole e modeste dimensioni. 

Il primo significato, vale a dire quel senso di ripugnanza, nausea, disgusto, ci riporta al verbo schifare (schivare, evitare). E questo al francese antico eschif che risale al franconeskiuhjan (aver riguardo). Colui che ha nausea di una determinata cosa ne ha riguardo, quindi la evita, la schiva.
La seconda accezione del termine, quella di battello, scialuppa, si rifà al longobardo
Skif (battello). È interessante, in proposito, notare quanto scrive Carlo Alberto Mastrelli: “Si farà ora accenno sorprendente dell’influsso dei Longobardi (sulla lingua italiana, NdR); sorprendente perché mostra l’incidenza che essi hanno avuto anche per un settore della lingua, e quindi per un aspetto storico-culturale, che poteva non apparire tipico del mondo germanico. Infatti nei dialetti italiani si riscontra un piccolo manipolo di termini che hanno a che fare con le attività connesse all’acqua (...). Sotto questo profilo si chiariscono forse i prestiti skif, imbarcazione, scafo (...) che vedono i Longobardi, o le popolazioni longobardizzate, impegnati anche nella navigazione specialmente fluviale e lagunare, in un ambito geografico nel quale essi si trovavano ai margini della sfera di influenza bizantina”.

A cura di Fausto Raso



SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Svegliarsi (o alzarsi)...
Mandare a carte quarantotto.
Maratona...
Barbaro...
Riappropriamoci la lingua.
In difesa del congiuntivo.
Stranezze linguistiche...
Gli urli...
Guadagnare...
La veritÓ viene sempre a galla...
Farsi infinocchiare...
A riveder le...bucce.
L’origine del picnic.
Chi Scappa...
Camminare (o andare) a gallina...
Roboante?
Veder le stelle...
Scendere dal Pero...
Demolire...
La Linguistica.
DELLO STESSO AUTORE
Capire l’antifona - Lettera S
Capire l’antifona - Lettera F.
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
Essere in balia di qualcuno...
Trattare con i guanti gialli...
Fare... o essere...
Qualunque.
Un’inutile ripetizione...
Abbaiare alla Luna...
L’uso del Lei...
Questo o questi...
Fri¨li, non Frýuli.
A riveder le...bucce.
Capire l’antifona - Lettera E.
I bagni penali.
Il tanghero...
Far la Melina
NEPOTICIDA...
Consobrinicida...
Fare orecchi da mercante...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione