HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Abbandono della casa coniugale
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

3 marzo 2018


Quali sono i rischi?


L’abbandono del tetto coniugale non Ŕ infrequente in caso di contrasti fra i coniugi, come reazione a condizioni che rendono difficile la coabitazione. Tuttavia la decisione di andarsene dalla casa coniugale non pu˛ essere assunta con leggerezza, trattandosi di una scelta non sempre legittima che pu˛ avere conseguenze anche sul piano del diritto penale.

L’allontanamento dalla casa coniugale Ŕ consentito dal nostro ordinamento al coniuge che abbia presentato domanda di separazione o di annullamento o di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio (art.146 codice civile). Se la convivenza non pu˛ essere sopportata neanche per il periodo limitato intercorrente tra la presentazione del ricorso e la fissazione dell’udienza presidenziale, l’allontanamento va giustificato preventivamente denunciando i fatti all’autoritÓ giudiziaria e comunque si deve trattare di fatti gravi che non permettono la convivenza sotto lo stesso tetto.

Infatti, l’abbandono della casa coniugale costituisce violazione di uno dei fondamentali doveri coniugali, quello della coabitazione (sanzionato ex art. 146 c.c., con la sospensione del diritto all’assistenza morale e materiale), e costituisce normalmente di per sÚ causa di addebito, a meno che non risulti che esso sia stato determinato dal comportamento dell’altro coniuge. Secondo la costante giurisprudenza della Corte di Cassazione la pronuncia di addebito non deve fondarsi sulla mera inosservanza dei doveri che l’art. 143 c.c. pone a carico dei coniugi, ma sull’accertamento di situazioni di grave colpa di uno dei coniugi, derivanti da violazioni notevoli e coscienti dei doveri matrimoniali, che abbiano costituito la causa dell’intollerabilitÓ della convivenza (v. Cassazione civ. sez. un. N.15248/2001, Cassazione civ. n.25966/2016).

Inoltre, occorre considerare che se, tempo addietro, tale comportamento assumeva rilevanza penalistica configurando il reato del c.d. “abbandono del tetto coniugale”, attualmente, pur non essendo pi¨ previsto, tale reato, dal codice penale, abbandonare l’abitazione lasciando in condizione di abbandono morale e materiale il coniuge e i figli prole rileva come motivo di addebito della separazione e pu˛ avere rilevanza penale ai sensi dell’art. 570 c.p. (“violazione degli obblighi di assistenza”). PerchÚ possa configurarsi il reato relativo all’allontanamento dell’imputato dall’abitazione coniugale, secondo la giurisprudenza, non basta che il giudice penale rilevi l’abbandono del domicilio domestico come fatto storico, ma Ŕ necessario che la condotta relativa all’allontanamento sia priva di una “giusta causa”, la cui esistenza Ŕ valutata caso per caso (v. Cassazione pen. N.34562/2012).

Erminia Acri-Avvocato

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Adozione: un percorso avventuroso
Separazione e assegni familiari.
Rapporto nonni-nipoti.
Quesiti legali- Tradimento e separazione dei coniugi.
Gli effetti del matrimonio annullato
La scomparsa del coniuge
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Assegno Nucleo Familiare e separazione.
Violazione dell’obbligo di convivenza e addebito della separazione.
Separazione ed affidamento dei figli.
Diritto di visita del genitore non affidatario.
Assegnazione casa coniugale e separazione dei coniugi.
Vendita di beni mobili e comunione legale.
Limiti al mantenimento di figli maggiorenni.
Separazione dei coniugi e riappacificazione.
PaternitÓ naturale
Pensione di reversibilitÓ tra coniuge superstite e coniuge divorziato.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quando il coniuge ha le mani bucate....
Nonni e nipoti
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitÓ e famiglia di fatto
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali-Persone con disabilitÓ e parcheggio in area condominiale.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
La ’busta’ era vuota!
Condomini e convocazione assembleare
Pu˛, il costruttore, nominare l’amministratore?
Quando il singolo comproprietario anticipa le spese....
Azioni giudiziarie condominio.
Separazione davanti all’ufficiale di stato civile.
Veranda e condominio.
Separazione per volontÓ unilaterale.
Espressioni ingiuriose e licenziamento.
La scomparsa del coniuge
Estinzione dell’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne.
La patente di guida vale come documento di riconoscimento.
Quesiti legali - Nomina amministratore di condominio nelle nuove costruzioni.
Multe legittime anche se notificate senza firma autografa dell’agente?
Quesiti legali-Congedo per matrimonio.
Requisiti per iscriversi all’ordine dei giornalisti
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione