HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
L’influenza...
di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it )

14 gennaio 2019



Perchè si chiama così?


Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Ci siamo. Il grande malanno di stagione, l’influenza, è arrivato: i telegiornali ne parlano quasi ogni giorno e ci “propinano” consigli su come prevenire o affrontare il problema che, molto spesso, è causa di angoscia per le mamme che hanno i figli piccoli i quali, con le persone anziane, sono i più esposti al… “pericolo”. Vogliamo vedere, cortesi lettori, che cosa è questa “influenza” che ogni anno costringe a letto migliaia di persone procurando un danno incalcolabile all’intera economia nazionale tanto da essere considerata, se non cadiamo in errore, una malattia sociale? Dal punto di vista linguistico, ovviamente, perché quello medico è noto a tutti; se non altro basta consultare un qualunque vocabolario e leggere alla voce in questione: malattia epidemica infettiva acuta, contagiosa, delle vie aeree superiori, di origine virale. Si manifesta con febbre associata a infiammazione anche delle vie digerenti. Questo, appunto, il significato “scoperto”, cioè quello medico.

 E quello “coperto”, cioè linguistico? Perché, dunque, “influenza”? Che cosa “influisce” sul nostro organismo? Per scoprirlo occorre rifarsi - come quasi sempre in fatto di lingua – al padre del nostro idioma, il nobile latino.

 Per l’esattezza al verbo “influère” passato in lingua volgare (l’italiano), con cambio di coniugazione, nella forma a tutti nota, “influire”. Il verbo latino “influère”, dunque, composto con il prefisso “in-” (dentro) e “fluère” (scorrere, fluire) alla lettera significa “scorrere dentro”: in quel luogo “influiscono” (‘scorrono dentro’) due torrenti. Questo verbo (influire) fu adoperato, in seguito, dagli studiosi di astrologia del Medio Evo i quali con “influire” intendevano lo scorrere, in senso figurato, dei raggi siderali sugli uomini esercitando un’azione negativa o positiva sulla natura e sul destino degli esseri umani.

 Ed è attraverso quest’ultimo “passaggio semantico” che è nato il significato estensivo che oggi si dà comunemente al verbo in oggetto: agire direttamente o indirettamente su qualcuno in modo da determinare particolari effetti o conseguenze; agire con una certa autorità sopra una persona, determinando a nostro piacimento gli sviluppi o le azioni.

 Da influire è stato fatto, con il trascorrere del tempo, il sostantivo “influenza” che, in senso proprio, è lo scorrere di un liquido in qualche cosa e, in senso figurato, l’azione esercitata da qualcuno su luoghi, persone o fenomeni: la forte personalità della madre “influenzò”, per tutta la vita, il carattere del figlio. A questo punto il vocabolo influenza fa la sua trionfale entrata nel linguaggio medico e acquisisce il significato di “malanno che ‘scorre’ dentro l’organismo umano”: un germe patogeno che ‘influenza’ il nostro corpo.

 Aggiungiamo, per curiosità, che il vocabolo fatto proprio dai medici italiani si è diffuso in tutta Europa, specialmente dopo l’epidemia influenzale del secolo XVIII che, oltrepassando gli italici confini invase dapprima la Francia poi, via via, gli altri paesi del vecchio Continente.

A cura di Fausto Raso



SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Di buzzo buono...
In bocca al lupo...
La Linguistica.
E’ uno schifo ma...
Il rompighiaccio...
Stranezze linguistiche...
A riveder le...bucce.
Andare a spianto...
Fare... o essere...
Guadagnare...
Attraversare...
Abbaiare alla Luna...
La Borsa...
Il regalo...
La diatesi?
Trattare con i guanti gialli...
Sebbene e Sibbene...
Il delitto...
L’ingiuria.
Roboante?
DELLO STESSO AUTORE
Capire l’antifona - Lettera S
Capire l’antifona - Lettera F.
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
Trattare con i guanti gialli...
Essere in balia di qualcuno...
Questo o questi...
Qualunque.
L’olofrasia...
il nome del Papa...
Capire l’antifona - Lettera E.
Far la Melina
Fare... o essere...
Un’inutile ripetizione...
Riappropriamoci la lingua.
Fare orecchi da mercante...
Mandare a carte quarantotto.
Fare le scale di S. Ambrogio.
Abbaiare alla Luna...
L’uso del Lei...
Il corrotto...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione