HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Destinazione a parcheggio di un’area condominiale.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

2 febbraio 2019


Quale maggioranza assembleare occorre?



Gli spazi adiacenti ad edifici condominiali frequentemente sono utilizzati dai condomini per il parcheggio di veicoli, specie di autovetture, anche a prescindere dalla specifica destinazione dell’area per tale uso.

Il diritto di impiegare come parcheggio uno spazio condominiale, è configurabile in capo ai singoli condomini a determinate condizioni. La legge, infatti, prevede che ciascun condomino può servirsi della cosa comune, purchè non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri condomini di farne parimenti uso secondo il loro diritto (art.1120 cod. civ.). Con riferimento all’uso del parco condominiale, salvo diversa regola stabilita dal regolamento condominiale o dall’assemblea condominiale, ogni condomino può utilizzare la parte comune in esame, e può, perciò, in linea generale, transitarvi e farvi sostare i veicoli, purchè non limiti o impedisca l’uso degli altri condomini.

Tuttavia, la sosta continuativa di autoveicoli nel cortile condominiale, secondo i giudici, è da ritenere abusiva perchè altera la destinazione comune e lede il pari diritto degli altri condomini a un uso diverso del cortile stesso (sentenza n. 454 del 20/2/74 della Corte di Cassazione). Pertanto, in tale situazione, spetta all’amministratore, che ha il compito di vigilare sul corretto godimento delle parti comuni, agire in giudizio nei confronti dei condomino che abusi nell’uso della parte comune. In caso di inerzia dell’amministratore, il giudizio può essere instaurato da ciascun condomino.

Invece, secondo la giurisprudenza, sono da ritenere ammissibili le delibere assembleari di mutamento di un’area condominiale in parcheggio.  La Corte di Cassazione, con sentenza n. 26295 del 15.12.2014 , ha avuto modo di precisare che le deliberazioni dell’assemblea di condominio, che decidono sul "mutamento di destinazione" di una parte comune non danno luogo ad una "innovazione" vietata dal codice civile, per cui sono lecite. In ogni caso, trattandosi di "innovazioni", richiedono che la delibera dell’assembla venga approvata con la maggioranza qualificata: maggioranza degli intervenuti e 2/3 del valore dell’edificio.

 

Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Spese condominiali ed inquilini morosi.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Trasferimento di unitą immobiliare
Furto in casa favorito da impalcature e ponteggi.
Il SUPERCONDOMINIO.
Chi deve redigere il regolamento condominiale?
Canna fumaria e condominio.
Spese per compensi dell’amministratore condominiale.
Infiltrazioni e allagamenti in condominio
Regolamento condominiale predisposto dal costruttore.
Elementi strutturali dell’edificio condominiale.
Quesiti legali-Locazione di immobili e sicurezza.
Condominio: riparto spese straordinarie e ricorso al decreto ingiuntivo.
Danni derivanti da difetto di impermeabilizzazione del lastrico solare.
Debiti condominiali.
Crollo dell’edificio e responsabilitą dell’amministratore
Spese comuni per manutenzione ascensore.
Delibera condominiale di installazione ascensore.
Servizi condominiali.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinitą e famiglia di fatto
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali - Cambio di abitazione o di residenza.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Contrasti nel piccolo condominio.
Quesiti legali-Persone con disabilitą e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali-Assegno di mantenimento dei figli.
Quesiti legali-Locazione e abitabilitą.
Il coniuge affidatario dei figli non ha sempre diritto alla casa coniugale.
Spese condominiali controverse.
Separazione per volontą unilaterale.
Puņ, il costruttore, nominare l’amministratore?
A chi tocca la casa familiare?
Infedeltą e separazione di fatto dal coniuge
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Scambio di messaggi romantici via Internet ed infedeltą coniugale.
Assegno Nucleo Familiare e separazione.
Quesiti legali-Passo carrabile.
Divieto d’accesso alle vie del centro per i cani......
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione