HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il silenzio intorno a me.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

22 maggio 2015






E risento, in me, la voglia di tornare.



Pensieri degli anni difficili

Il silenzio, intorno a me. Ne sento il bisogno e nello stesso tempo ne ho paura.

È nei buchi che si rischia di perdersi!

Mi rigiro impedita all’interno di un cilindro, poco è il movimento consentito, una grande ansia mi investe.

Non riesco più a trovare le parole, le ho ben chiare nella mente ma a fatica trovano il respiro.

Angosciante! Ecco, è questa la parola che bene esprime la sensazione del cilindro. Un buio nero intorno, anche se, a ben guardare, si intravedono i mille e più puntini luminosi.

La bellezza dei petali controllata da qualcosa che va oltre la capacità dello stesso essere vivente, qualcosa di indefinito e non precisabile.

Me ne torno piano piano, lentamente, sui miei passi riguardando attentamente, sfogliando ogni pagina scritta e già vissuta e mi pongo le solite innumerevoli domande.

Vorrei trovare il piacere di camminare senza dovermi guardare intorno, solo con lo sguardo puntato all’orizzonte, all’ultimo dei raggi che scendendo emana luce innaturale ma fantastica.

E risento in me la voglia di tornare.

Ad ogni passo la necessità del silenzio, mi fortifica e mi aiuta in questa fase di rinascita e ripresa. Provo a cercare una distrazione alla mente. Un pensiero insistente batte incessantemente saturando tutta l’aria intorno. Mi guardo in tutte quelle direzioni che mi appartengono, riesco a non fuggire e andare avanti, ma c’è sempre quella riga di fondo che proprio non si vuole cancellare.

Qualcosa di strano.

L’utilizzo della metafora. E della vita?

Torno indietro, spengo le luci, ascolto il mio respiro. Una mano nel silenzio mi accarezza, la trattengo all’improvviso e ne sento la freddezza.

Che tristezza!

Si va avanti piano piano, ci si ferma di colpo e a fatica si ritrova la propria linea. Un equilibrio, il solito equilibrio.

Dieci anni in due giri, gli estremi di due momenti delicati. Curiosa la vita, alcune cose sembrano passare inosservate, ma poi si impongono con forza senza lasciarti il tempo di pensare. Avvengono. E basta.

La riga, da sottofondo. Impossibile cancellarla, ci si può solo scrivere sopra, imparando ad evitare di vederla e a riempire ogni spazio.

L’indifferenza. Faccio finta di non vedere, di non sapere, anche se ne sento comunque l’odore. L’odore del cambiamento.

Nel mio solito protetto posto, mi raccolgo accarezzandomi e ascoltando il solo silenzio.

E me ne vado. O ritorno?

Al momento opportuno. L’importante è saper distinguere la voce del silenzio. Qualsiasi rumore naturalmente si spegne, rimane nel profumo degli ambienti la sola voce del vento, in questo mattino di festa e di augurio. Tutto diventa più chiaro e, senza alcun ripensamento, alimento quella fiammella che tiene in vita ogni pensiero. Un po’ spento ma vivo, come sempre.

Senza più parola, ho bisogno del silenzio, del solo ascoltare il fruscio dell’aria piacevolmente calda sul mio corpo, immaginare l’onda accarezzare la ghiaia tiepida riscaldata dal sole del giorno, la restituzione ad uno stato d’animo che si scioglie in tenerezza.


Fernanda


SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Un percorso circolare.
La linea di demarcazione.
Lo slancio.
Un battito di ciglia.
Equilibri.
L’incanto.
Non riusciva a vedere la luna...
Una piacevole disillusione.
Ricordi...
L’inizio.
La gentilezza.
Senza dire una parola.
La necessitÓ di comunicare agli altri, con gli altri...
Bianco...
L’elefante.
Il solco.
Un puntino luminoso.
Di uguale importanza.
La consapevolezza.
Il chiarore prima dell’alba.
DELLO STESSO AUTORE
Per paura di sciuparlo.
Pi¨.
Vivere.
Schizofrenia e autismo.
Fotografie.
Il ricordo dell’emozione.
╚ sempre con me.
La speranza nel sole.
Cadere...
Per sÚ. E per nessun altro.
Il gioco delle stelle.
Giorni.
I fenomeni cerebrali associati alla musica.
Equilibri.
Alla luce di una Stella.
La passione.
La trappola dei sensi di colpa.
La poesia nella luna.
La freschezza.
Il destino in un momento.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione