HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il corrotto...
di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it )

3 marzo 2019


Di questi tempi, poi!


Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Mai, come in questi ultimi anni, un vocabolo della nostra lingua è stato piú adoperato dai massinforma (mezzi di comunicazione di massa) per mettere in evidenza il malcostume che ha imperversato (e imperversa) nel mondo politico: la corruttela (con corrotti e corruttori, ovviamente).

Ma non è di questo esecrabile fenomeno che intendiamo parlare, non è questa la sede adatta e non è nostro costume invadere il campo di sociologi ed esperti vari. Vogliamo parlare della "nascita linguistica" del corrotto. Se, come il solito, apriamo un qualsivoglia vocabolario alla voce in oggetto leggiamo: “scostumato, viziato, infetto, impuro”.

La persona corrotta, quindi, è moralmente "infetta", vale a dire che il suo animo è stato "guastato", "infettato", "disfatto" - naturalmente in senso figurato - perché "corrotto" non è altro che il participio passato derivato dal verbo latino "cum-rumpere" (’corruptus’, corrotto) che vale "guastare", "disfare". Il corrotto, però, non sempre è... corrotto.

E ci spieghiamo.

Nei tempi andati - e parliamo di secoli - con il termine corrotto si intendeva il pianto "ad hoc", il lamento funebre che i parenti del morto "recitavano" davanti alla salma. Questa usanza è spiegata magistralmente dal Boccaccio nell’introduzione al “Decamerone”: “le donne, parenti e vicine, nella casa del morto si ragunavano, e quivi, con quelle che piú gli appartenevano (cioè con le parenti strette del defunto, ndr) piangevano...”. Lo stesso pianto che nel mondo latino ’emettevano’ le prèfiche (o piagnone), con una differenza: il lamento funebre era a pagamento. Le donne dei tempi del Boccaccio facevano quell’ufficio, invece, gratuitamente: chi per mera compassione, chi per voglia di curiosare. Questo pianto, dicevamo, ebbe il nome di "corrotto", cioè di "animo rotto", "disfatto", "spezzato" e deriva, appunto, dal verbo "cum-rumpere": guastare, disfare, corrompere.

Con il passaggio, per tanto, dall’idea di corruzione all’altra di agitazione, di tormento. Il Tommaseo, a questo proposito, azzarda l’ipotesi che il termine (corrotto) altro non sia che la... corruzione linguistica di "corruccio" (sdegno, irritazione, rabbia repressa), come dal latino ’Cruce’ si è fatto il termine... corrotto ’Croce’.

Ma non finisce qui.

Per estensione il "corrotto" era anche colui che indossava abiti neri, luttuosi, tanto che si diceva “vestire il corrotto”, come oggi si dice - anche se l’usanza sembra tramontata - “mettersi il bruno o il lutto”.

Il corrotto moderno oggi piange solo quando varca le soglie delle patrie galere; non sappiamo, però, se è un pianto... corrotto, cioè "ad hoc" o un lamento sincero di pentimento per aver... corrotto, cioè infettato il suo animo.


A cura di Fausto Raso

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La carta assorbente...
Ciao...
Il corretto uso di da.
Veder le stelle...
La verità viene sempre a galla...
Barbaro...
Addetto a...
Requisiti richiesti...
L’uso del Lei...
C’è buffo...
Imperfezioni grammaticali...
Usciamo...
Parole nobilitate...
Strena natalizia.
Essere una pecora segnata...
Essere una Macchietta...
Febbre influenzale.
Il Frac...
Il cicchetto.
Andare in...
DELLO STESSO AUTORE
Capire l’antifona - Lettera F.
Non essere della stessa parrocchia...
La virgoliera.
Febbre influenzale.
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
Superlativo assoluto.
La Linguistica.
Essere una Macchietta...
Il cicchetto.
Un po’ di latinorum...
Gli aggettivi...
Composto "di"...
L’origine del picnic.
Gli urli...
Essere in balia di qualcuno...
Capire l’antifona - Lettera P .
Accordi...
Trattare con i guanti gialli...
Marcare visita.
Roboante?
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione