HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il faro.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

29 luglio 2015






Negli occhi di ognuno di noi, brilla una lacrima.


Pensieri degli anni difficili

Come un faro alto, molto alto che inizia a guidarci. All’improvviso tutto ritorna in una forma nuova, il famoso concetto della restituzione che tanto mi affascina.

Incessante divenire. Tutto avanza non lentamente ma con grande costanza, come l’acqua allo sbocco di un ruscello senza alcuna perturbazione al contorno.

Una stella illumina un faro sulla Terra. Curioso, ma è proprio così. Dall’alto la sua luce arriva brillando e illuminando quello che è importante. E ritorno a pensare al valore e all’importanza.

Un anno difficile questo. Il dolore del distacco ha sorpreso tanti lasciando anima strappate che, a fatica, provano a ricucire, a trovare il senso. E per la prima volta riesco a comprendere cosa è importante cercare dentro di se quando la vita ti prende prepotentemente a schiaffi.

Un cielo insolitamente brillante su un pianeta di luce tersa. Finalmente.

Può essere che questa sia il cappello a quella che verrà, quella del “Natale anche quest’anno”.

Voglia di calore e di casa tua, di sorrisi e abbracci accoglienti e di mani sulla testa nel gesto esasperato del dolore più profondo.

Buffo come alcuni stati d’animo si accendono quando meno te lo aspetti, quando stai facendo tutt’altro, magari di tecnico e razionale e invece all’improvviso lì arriva a freddarti con tutta la crudezza della realtà.

È passato in fretta?

Forse si, più velocemente di quello che ci aspettavamo.

Ha stravolto la vita di tanti, ha cambiato completamente le cose, il destino di chi si è trovato investito da tutto ciò.

Le parole sono inutili, insieme si può provare a trovare un senso al passato e non a quello che è successo.

Un triangolo di luce gialla e satura di umidità lascia intravedere uno spicchio di mare dalle acque fredde, molto agitate. Come i tormenti dell’anima che viviamo, quelli tangibili e reali.

Azzurro, terso, freddo intenso preludio ad una giornata di emozioni.

Intrisa. Sono zuppa e piena di sentimenti. Le mie lacrime mute pronte ad uscire senza chiedere.

La casualità. Un pensiero va lontano con una punta di nostalgia e, quasi per magia, torna accompagnato da un denso ricordo.

Peccato non poterlo condividere.

È vero che nei momenti di maggiore difficoltà la sicurezza del riferimento si fa avanti spingendo da tutte le parti a che venga ad essere esaudita.

Un disegno sospeso nella memoria accende un sorriso. Teneramente mi ritrovo in un’altra dimensione, fatta di soffici pupazzi colorati, di trenini e di bambole da addormentare.

Resto sempre più spesso ormai ad osservare senza parlare. Un anno difficile questo. Troppi i prematuri dolori, gli strappi nell’animo, i silenzi da non colmare.

Una luce nel bagliore della notte brilla senza accecare e senza voler pretendere la strada.

Si riparte con la costruzione, anche se appare lontana, ma è l’unica da perseguire.

Abbiamo tanto da imparare. Magari tenendoci per mano.

A tutti quelli che in questo anno hanno lasciato la strada della Terra, diventando fari

Fernanda - 16 dicembre 2014



SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’acqua, a tutte le piantine.
Per sÚ. E per nessun altro.
Un amore grande.
La Stanza delle Dinamiche.
Il sole dietro l’angolo.
L’entropia...
Soffio...
Come l’acqua in una spugna.
Ci˛ che non piace pi¨!
Cosý come sono.
L’importanza della vita.
Un puntino luminoso.
Sulla lama del rasoio...
Il chiarore prima dell’alba.
L’ultimo dell’anno,
Gli affetti.
Un elefante...
Fotografie.
Stasera...
Dietro un dito.
DELLO STESSO AUTORE
Il momento.
La linea di demarcazione.
Cadere...
A me.
La paura del desiderio di restare.
Le armonie...
PerchÚ si dimentica.
Su me stessa.
Lo scudo.
Il piacere della conversazione.
Le scorciatoie emotive.
LibertÓ...
Lo slancio.
Un percorso circolare.
Le parole nel silenzio...
Il coltello nella piaga.
La forza in sé.
Per come sei.
Una strana malinconia.
Una scia fra le stelle...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione