HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
I fenomeni cerebrali associati alla musica.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

5 settembre 2014


E, il cervello, “va” meglio!



News Neuroscienze

La scelta del genere musicale è soggettiva e personale. I numerosi studi condotti finora si sono concentrati soprattutto sulla relazione fra le diverse caratteristiche della musica e la capacità di influenzare il cervello. In ogni caso, quando si ascolta la musica preferita, a prescindere dal genere, vengono evocati alla memoria ricordi e pensieri personali. Fino a questo momento, è rimasto poco chiaro come l’ascolto di differenti generi musicali possano generare esperienze cerebrali simili. Una prima spiegazione alla comprensione di questo meccanismo è suggerita da un recentissimo lavoro - Network Science and the Effects of Music Preference on Functional Brain Connectivity: From Beethoven to Eminem, R. W. Wilkins, D. A. Hodges,P. J. Laurienti,M. Steen& J. H. Burdette, Scientific Reports 4, 28 August 2014 – in cui gli autori valutano le differenze di connettività funzionale del cervello quando le persone ascoltavano brani musicali da loro preferiti. 21 soggetti sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale mentre ascoltavano brani musicali preferiti e di diverso genere. Le aree cerebrali e le connettività attivate durante l’ascolto erano comuni a tutti i soggetti indipendentemente dal tipo di musica, e in particolare si attivava un circuito importante per i pensieri introspettivi, noto come default mode network. Dato che questo circuito risulta alterato nei soggetti con schizofrenia, depressione, autismo, disturbo post traumatico da stress, l’ascolto della musica preferita potenzialmente potrebbe migliorare le funzioni cerebrali, ed avere quindi implicazioni specifiche in quelle terapie dove la musica ha effetti neuroriabilitativi

Altro importante risultato emerso da questo lavoro è che l’ascolto della musica preferita alterava la connettività tra aree cerebrali uditive e l’ippocampo, una regione associata al consolidamento della memoria e dei ricordi. Durante l’ascolto le due aree risultavano scollegate come se l’ippocampo in quel momento fosse occupato a rievocare esperienze emotive e non nell’elaborazione uditiva.

Dal momento che le preferenze musicali sono unicamente individuali, che la musica può variare in complessità acustica e per la presenza o assenza di testi, l’importanza di questi risultati è notevole. Questi risultati spiegano perché stati emotivi e mentali analoghi possono essere sperimentati da persone che ascoltano la musica che si differenzia nel modo più ampio, da Beethoven a Eminem. Di conseguenza le implicazioni neurobiologiche e di neuroriabilitazione hanno un potenziale enorme.


Ferdinanda Annesi - Biologa C.N.R.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Microglia ed infrasuoni.
Parkinson...
Coma e coscienza di esistere.
Colesterolo e trigliceridi...
Tutto quello che fa bene al cervello.
La memoria dei colori.
L’attenzione nel rosso, la creativitÓ nel blu.
Vita sociale dei moscerini.
Abitudini e novitÓ.
Il dolore Ŕ maggiore...
Schizofrenia e autismo.
Il Dna ci parla attraverso l’acqua del corpo.
Leggere e studiare...
La basi molecolari della corteccia cerebrale.
Il gene che fa ringiovanire.
L’epigenetica e i nuovi fronti della Ricerca scientifica...
La prima carezza tra gemelli Ŕ giÓ nell’utero...
Quando il cervello Ŕ troppo stanco...
Il cervello cresce anche a 50 anni.
Come si diventa centenari?
DELLO STESSO AUTORE
La mediocritÓ.
Il profumo di un laboratorio.
Ricomincio da tre...
L’Ansia e la paura.
Grazie...
Il giorno dopo.
Non riusciva a vedere la luna...
Qualcosa di diverso.
Il coltello nella piaga.
La punta dell’iceberg.
La fimminata.
La sofferenza nascosta.
Tutto al caso.
Le risposte.
Il profondo cratere (Che divide).
Un prato di margherite...
Un elefante...
Cadere...
Nei giorni a venire...
Io sono...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione