HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Che torni a vivere.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

13 marzo 2014






Sulle cose che riprendono vita.


Pensieri degli anni difficili

Una goccia di rugiada. Provo a guardare all’interno di essa e mi appare un micro mondo nitido, splendente, nonostante la fitta densità che la riempie.

Imprescindibile dal passato. Così concludeva una pagina, o poco più, di riflessioni sul passato e da lì mi piacerebbe cominciare.

Le cose impossibili.

Me ne sto qui a cercare di placare i miei dolori con la conoscenza, come mi è stato insegnato, e cercando anche di osservare le situazioni da un altro punto di vista.

L’incontro. Momento di iniziale confronto attivato dalla curiosità, condito da un imprevedibile imbarazzo, pervaso dalle resistenze e, a volte, lì bloccato.

Tornare. Non basta solo ripensare al passato per dargli una scintilla di vitalità, ma tornare indietro col pensiero vuol dire ritornare a farlo vivere. Veramente.

Cominciano una serie di domande che urgono risposte, alcune minano le mie sicurezze, ma non posso fare a meno di pronunciarle.

Me stessa. Torno sui miei passi, si ma a quali condizioni? Il desiderio di riappropriarsi delle cose della propria vita, quelle tue e di nessun altro, o meglio, che nessun altro potrebbe mai capire, è una naturale tendenza di qualsiasi essere umano. Anche quando i traguardi conquistati ti assicurano una buona dose di gratificazione, carburante ad un buon altro percorso di vita. Ma, il desiderio è troppo forte.

Nei miei pensieri, nei miei desideri.

Il momento in cui riprendere in mano la propria vita non passa inosservato a chi dedica molto tempo alla riflessione, alla tendenza a non sprecare il proprio tempo, ma senza ossessione alcuna. Così, per il piacere di dare un senso a questo viaggio cui siamo stati chiamati a partecipare.

È vero, riesco a scovare negli angoli acuminati la morbidezza delle forme tondeggianti. Un dono naturale ricevuto in eredità. E ne sono felice.

Anche se ...

Anche quando ...

Manca poco ormai. I segnali attorno a me sono insistenti e chiari, il messaggio ben scandito, a chi non vuole intendere.

Le cose che tornano a vivere, ma ci sono anche quelle che non hanno mai smesso di farlo, quelle il cui battito era troppo forte per potere spegnersi e nonostante il forte temporale hanno avuto la possibilità di illuminare continuamente, senza mai creare il buio.

I ricordi in questa riflessione che domina i pensieri negli ultimi giorni, ovviamente, alimentano tenendo in vita.

Tornano a brillare e non di luce riflessa.

Le parole, i pensieri, i ricordi, le illusioni. Varrebbe la pena ad ogni parola dare il giusto significato, scrivere due righe per ognuna, afferrarne l’essenza ed imparare sempre più.

I vicoli nascosti della città mi aiutano nella definizione dei contorni di questo viaggio già vissuto che ora vive di speranza del futuro.

Patetica? No, forse la verità sta nella vera passione che unisce le persone, che continua a legare anche quando i contrasti diventano talmente pressanti che poco o nulla puoi fare se non che conservare un seme di dedizione. E stai sicuro che al momento opportuno tornerà a germogliare. In fondo è primavera, quasi ci siamo, lo si sente dai profumi nascosti che si emanano fra gli sprazzi di sole fra il vento, lo si può vedere dai timidi colori che ritornano a brillare alle prime luci dell’alba, nella freschezza dell’aria che si appresta a mitigare.

È stato un lungo inverno, questo.

Fernanda

 

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il profumo nell’aria.
La cosa giusta.
Per come sei.
Adesso, Ŕ tardi...
Come una favola.
La strada delle streghe.
Su me stessa.
Due zingari...
Dentro gli occhi.
Nella fantasia.
Giorni.
Riflessi.
Il perdono.
Il sole dietro l’angolo.
La sofferenza nascosta.
Una carezza nell’anima.
Non riusciva a vedere la luna...
Una pausa di riflessione...
Una serata di pensieri.
La mappa stellare.
DELLO STESSO AUTORE
Le oscillazioni delle aree cerebrali.
Ansia, stress, depressione.
Alla fine...
La metÓ che manca.
Nei giorni a venire...
Qualcosa di naturalmente diverso.
Ruolo del gene MKP-1 nella depressione.
Per paura di sciuparlo.
Epigenetica e adattamento allo stress...
Di uguale importanza.
La dispercezione del corpo.
Il profumo nell’aria.
Un battito di ciglia.
Pseudogeni, RNA, cancro.
Il giorno dopo.
PerchÚ si dimentica.
La farmacologia dei disturbi d’ansia.
No, questo no!
La mediocritÓ.
Fra me e lui.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione