HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il volpone sprovveduto...
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

19 febbraio 2014






... e la sua insicurezza.


Pensieri degli anni difficili

Primo mattino, giornata di solito lavoro.

Beh, questo non è proprio vero. Ho la fortuna di fare un lavoro che, oltre ad indirizzarmi verso le novità e la ricerca, mi dà la possibilità di utilizzare un pizzico di fantasia, o meglio usare la mente per trovare i collegamenti, le associazioni, le cose che messe insieme potrebbero indicare nuovi orizzonti. Insomma, provare a vedere quello che c’è oltre e di sicuro un po’ di fantasia, come esercizio cerebrale, aiuta.

Da quando apro gli occhi e fino a che non mi ritrovo a dover interagire direttamente, tante sono le occasioni di incontro, osservazione, sorpresa. E l’osservazione è la cosa che più cattura la mia attenzione.

Finalmente un raggio di insolito sole.

Vogliamo veramente darci una mano? Siamo davvero pronti a "darci la mano", oppure è tutto un bluf per lasciar credere, per intrufolarsi, per impicciare?

C’è sempre qualcuno in un gruppo che si rende disponibile a fare da collante, forse perché il più disponibile a cogliere le necessità, forse perché la sua indole è di maggiore comprensione alle esigenze, o forse perché ...

Il "fenotipo" del sottoposto è abbastanza stereotipato e non molto difficile da smascherare.

Condottiero. Conduce, per sollevare gli altri dagli incarichi gravosi.

Egocentrico. A difficoltà riesce ad accettare il parere altrui, anzi quasi impossibile inserirsi nel suo soliloquio esistenziale - professionale.

Apparentemente calmo nell’esposizione. Da sottofondo l’ansia del lasciarsi prevaricare domina ogni respiro in tutte le sue parole.

E sorrido.

Non riesco a provare rabbia verso la categoria, semmai una sorta di fastidio frammista ad una dose abbastanza consistente di compassione.

Il momento in cui non hai più dubbi arriva quando il gruppo, ignorando il suo pensiero, ma sol per un istante, lascia la parola esprimere il pensiero di chiunque e lì il panico lo assale: chi pretende di parlare più di lui? Chi vorrebbe inserirsi magari contribuendo ad un discorso generale che tutti investe e coinvolge direttamente? Quasi una offesa, un insulto alla sua superiore intelligenza, che non tollera la flessibilità e la versatilità delle idee. Degli altri.

Non c’è che dire! Un esempio di umano intriso di immaturità e pronto a decollare.

Sono forse troppo rigida e cattiva? Non finirò anch’io per vedere poco oltre il mio modesto punto di vista?

Ma si, in fondo chi di noi non è un po’ troppo preso dalla propria idea stretta stretta da difendere? Poco incline alla discussione con se stesso, molto più semplice aggredire verbalmente imponendo il proprio punto che non lasciarsi andare ad una sana critica fatta di spudorata autoanalisi.

Si inserisce a bassa voce, almeno questo è quello che vorrebbe lasciare intendere, lui la dice fra i denti ma ben chiara a chi non vuol capire fino in fondo qual è il suo intento. Quello vero.

Posso parlare? Solo se non creo confusione, se siete disponibili ad accettare il mio modesto punto di vista che potrebbe aiutare a fare luce, a colmare quei buchi che voi, poveri di mente e non ricchi come me, proprio non riuscite a comprendere.

Un crescendo. L’egocentrismo viaggia di fianco alla presunzione e cresce in maniera proporzionale, l’uno carburante per la crescita dell’altro.

Insistente nelle richieste, pretenzioso, ma alla fine sprovveduto. Con innocente candore cerca il confronto e la chiarezza, imitando la spontaneità del bambino ma per niente somigliante.

Da dove potrebbe nascere questo modo di fare, di essere, di sentire?

L’insicurezza ... del volpone sprovveduto.

Fernanda

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Non riusciva a vedere la luna...
Il novanta per cento.
La traccia.
Il tono dell’umore.
Il punto di non ritorno.
Una mezza verità.
Il segreto della vita?
Un sottile velo di malinconia.
Il piacere della conversazione.
La trappola dei sensi di colpa.
La costruzione.
Dietro un dito.
No, questo no!
Una giornata un po’ coś...
Il giorno dopo.
II solco.
Tanto per...
La bugia.
Una storia senza tempo.
Fiabe.
DELLO STESSO AUTORE
Un progetto.
L’anima delle cellule.
Al risveglio.
La linea di demarcazione.
Alla luce di una Stella.
Il sole dietro l’angolo.
Maschi.
Riflessi.
Zingarella.
Le cose belle della mia vita.
L’anima
Una giornata un po’ coś...
...che le cose possano cambiare...
Il valore della marchetta.
Senza dire una parola.
Il potere della suggestione.
A mille, ce n’è...
Vento.
Il fascino della notte.
Le opportunità o la contraddizione?
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione