HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
...che le cose possano cambiare...
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

2 marzo 2019






Il buon senso. Ma che vorrà mai dire?


Pensieri degli anni difficili

Un gran disordine nella testa, come se avessi perso il senso delle cose che faccio, che ho fatto, che farò. E allora, è forse questo il buon senso? È di questo buon senso che stiamo parlando? La capacità di ritrovarlo.

Per un momento sfioro con le dita le verità. Un grande dubbio mi invade, ma subito, immediatamente, mi rimetto nella giusta carreggiata e continuo il mio viaggio.

L’originalità delle storie è sempre più difficile da trovare: sembra che ogni cosa sia stata già raccontata, descritta, vissuta e, a volte, anche il 3 è ormai non più sufficiente, non basta più.

Non ho mai temuto la necessità di riempire ogni tempo delle mie giornate, almeno da quando l’età della maturità ha raggiunto, anagraficamente ..., il traguardo.

La notte è dei pensieri che non vogliono essere illuminati dalle radiosità del giorno.

Ma veramente il tutto avviene all’improvviso?

E sarà vero che altrettanto velocemente si dimentica?

La migliore cura.

Sempre più mi convinco che aprendo le ali al volo, lasciando che l’aria respiri in ogni parte del corpo, si raggiunge con facilità quel benessere che si cerca per gran parte del viaggio. E quando tutto sembra aver preso una strada senza sorprese, ecco che interviene la possibilità.

Incredula. Poi si vedrà. Non è importante che le cose si verifichino veramente, più importante che dalla finestra delle opportunità appaia quella che ti lasci intravedere un nuovo orizzonte.

Il piacere che si prova a condividere i momenti.

Le cose più naturali e quelle che richiedono il prolungato uso della mente. Insieme decidiamo che è arrivato il momento di chiudere quella porta che per tanto tempo è rimasta spalancata.

Ci aggiriamo in silenzio e al buio evitando ogni rumore, nel freddo pungente della notte di questo sorprendente inverno.

Appena un mese. È solo iniziato da nemmeno un mese e già inizia a pregustarsi l’arrivo del tenue e nuovo calore che investirà ogni ora.

Al risveglio l’ansia dell’incognito, dopo un po’, fino a quando le molecole dell’informazione incominceranno a viaggiare nella giusta concentrazione e nei distretti quelli veri. La distensione per la grande esperienza che verrà.

È vero, quando si perde un po’ il senso della missione cui siamo chiamati, o forse che abbiamo consapevolmente scelto, è necessario che intervenga uno stravolgimento a ristabilire le giuste cose.

La vita è sorprendente. Mai come in questi giorni ha mostrato che guardare bene quello che offre e cogliere i suggerimenti, anche quelli che sembrano i meno probabili, è il suo segreto più grande.

Il più prezioso.

Accolgo, con un po’ di ritardo, il caldo affetto di chi mi ama senza riserve. Spalanco le porte e lascio entrare raccontando quello che sarà, ricordando di modulare gli sbalzi che altrimenti rischierebbero di rovinare il momento.

La bellezza in quello che si intravede in uno sguardo, che si coglie anche nell’oscurità, e se i tuoi occhi sono troppo annebbiati dalle lacrime mute, una luce a rischiarare la si può trovare nell’affetto della certezza.

La certezza degli affetti.

Fernanda (20 gennaio 2014)

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Emozioni.
Con sentimento.
L’elefante.
Una serata di pensieri.
Il silenzio intorno a me.
Una spugna inzuppata di sentimenti umani!
Oltre la finestra...
Accanto.
La contraddizione calorimetrica.
Una luce all’orizzonte...
Runner.
Fotografie.
Il viso nella pioggia.
Cadere...
Fra me e lui.
Il fuoco del giorno dopo.
L’amore in sÚ.
A me.
Il pregiudizio.
Ci˛ che non piace pi¨!
DELLO STESSO AUTORE
La lampada di Aladino.
La paura del desiderio di restare.
Epigenetica e adattamento allo stress...
La vita segreta del calzino.
Il momento.
Il confetto e il maiale.
Come, noi, vediamo il futuro...
Una luce all’orizzonte...
Rileggo.
Pisello pride...
La forma del triangolo.
La fonte.
Fra la sabbia bianca...
Un po’ della stessa strada...
Caro Babbo Natale...
I fenomeni cerebrali associati alla musica.
Adesso, Ŕ tardi...
La mediocritÓ.
Due o tre parole.
Settembre.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione