HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il dolore Ŕ maggiore...
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it ) e di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

3 febbraio 2019



...se il carattere è peggiore!


News Neuroscienze - PNEI

Le caratteristiche della personalità (in pratica, il carattere dell’individuo) interagiscono con gli stimoli ambientali nel modulare le risposte biologiche ai trattamenti terapeutici e, potenzialmente, sono in grado di svolgere un ruolo determinante nel rendere efficace, su un piano antidolorifico, una sostanza farmacologicamente inattiva.

Una sorta di effetto placebo, insomma!

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista "Neuropsychopharmacology"condotto presso l’Università del Michigan, alcune caratteristiche quali la schiettezza, l’altruismo, la resilienza (il riuscire ad adattarsi allo stress), aumentano la capacità del placebo di avere effetti antidolorifici; al contrario una personalità rigida e irascibile, la bloccherebbe.

In questo lavoro sono stati valutati i tratti psicologici in 50 volontari sani, in relazione alla loro capacità di produrre effetti analgesici placebo, attraverso la produzione di oppioidi endogeni e la riduzione dei livelli di cortisolo, che è l’ormone dello stress.

Ai volontari è stato detto che sarebbe stata iniettata una soluzione fisiologica nei muscoli della mascella che avrebbe provocato una sensazione dolorosa ma che, contestualmente, avrebbero assunto un antidolorifico (in realtà, un placebo).

I volontari, che avevano una età compresa fra i 19 e 38 anni sia maschi che femmine, sono stati sottoposti, preliminarmente, ad una serie di test per la valutazione dei tratti della personalità e sono stati monitorati nella loro attività cerebrale attraverso la PET (tomografia ad emissione di positoni).

Dall’analisi statistica, è stato dimostrato che una personalità flessibile, con una migliore capacità di adattarsi agli eventi avversi, alle difficoltà e allo stress rispetto ad una irascibile e diffidente, permette di sfruttare l’effetto placebo grazie alla produzione di endorfine indotte dalle attese positive. Una personalità irosa, insofferente, maleadattabile o, comunque, rigida, si mostra, al contrario inefficace.

Questi risultati, una volta replicati in campioni più grandi, suggeriscono che, grazie all’analisi della personalità (e spingendo sulla strada della maturità e della flessibilità), si può puntare a migliorare la risposta individuale, tanto al dolore persistente, quanto ai vari eventi potenzialmente stressogeni.

 

Fernanda Annesi - Biologa C.N.R.

Giorgio Marchese - Medico Psicoterapeuta (15 novembre 2013)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La neurobiologia della saggezza.
Il cervello e l’amore.
Forse, sbadigliamo per amicizia...
Il medico cura, la Natura guarisce.
I vantaggi di una dieta equilibrata.
Dove nasce la coscienza...
Schizofrenia e autismo.
Sei ore per cancellare le fobie...
I fenomeni cerebrali associati alla musica.
DNA e diagnosi tumorale.
L’evoluzione della corteccia cerebrale.
Ossitocina...
Leggere Harry Potter...
La memoria dei colori.
Coma e coscienza di esistere.
La risposta emozionale del cervello alla luce.
Microglia e comportamento.
Dimenticare...
Invecchiamento cellulare...
Pi¨ del latte...
DELLO STESSO AUTORE
Tessuto Nervoso.
Il nostro cervello...
Quesiti - La deflorazione.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
La biochimica delle emozioni.
Burattini o Marionette?
La solitudine.
Il Male oscuro?
Alle radici del Narcisismo...
L’importanza di ridimensionare l’attaccamento ai beni materiali.
Il tempo dell’abbandono.
A come Amore.
Ossessioni e dispercezioni.
La Presunzione...
Le frustrazioni - I░
Il meccanismo dell’Apprendimento.
La vera SolidarietÓ.
Capire l’antifona - Lettera F.
L’ansia e la paura.
Il senso di inadeguatezza.
Un progetto.
Fra me e lui.
Sogni...
Quella sottile felicitÓ.
In me stessa.
Il piacere della conversazione.
L’eccessiva magrezza (o l’obesitÓ)...
L’importanza della vita.
Tornare a casa.
Il rispetto.
La cosa pi¨ semplice.
Qualcosa di naturalmente diverso.
Una poesia.
Il coltello nella piaga.
La lampada di Aladino.
Dietro i vetri.
La necessitÓ di comunicare agli altri, con gli altri...
Lo slancio.
Sulla pista di decollo...
Una carezza nell’anima.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione