HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La mappa stellare.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

27 luglio 2013






Le cose migliori.


Wish you were, here.

Una stella nella mano.

Come sempre ormai da anni, in questo periodo riaffiorano indisturbate le ansie del passato, le solite vecchie paure.

Il dolore dai cieli azzurri.

La prima volta. Qual è stata la prima volta che le note delicate di questa musica fatata sono entrate nella mia anima e nel cuore? Non tanto tempo fa. E perché risuonano in questo periodo più che negli altri della vita?

Luglio. Preludio alle vacanze, al riposo, ai distacchi. Gli ultimi giorni diventano i più complicati da gestire e da vivere, inseguita dalle mille cose da fare, le ultime le più importanti, quelle che proprio non si possono rimandare. Ma sarà poi vero? Non è, per caso, uno scherzo della mente per "distrarre" l’attenzione?

Due giorni di acqua salata fresca e delicata, in gradevole compagnia. Il vento leggermente accarezza i nostri pensieri, senza infastidire solo a ricordare. Un salto nel passato e mi ritrovo nella tranquillità del mio silenzio, senza aver bisogno di altro se non che della giusta serenità che fluisce dentro ogni cosa.

Un battito di ciglia. A ricordare che nulla sfugge alla percezione più sincera, avendo però la capacità di riconoscere quello che potrebbe anche uscire fuori dagli schemi.

Parole. L’inutilità dei momenti riempiti dalla impossibilità di poterle esprimere senza condizionamenti e paure.

Le solite vecchie paure. Ancora una volta, ancora di più.

Attraverso i vetri appannati dall’umidità dell’aria provo a sbirciare nella speranza di intravedere la strada da seguire, con più chiarezza. Me ne torno lentamente, passo dopo passo, con la consapevolezza che quello che rimane nelle dita non serve a ricucire lo strappo. Non basta.

Le cose migliori.

Aspetto senza fretta che la luce intensa della giornata appena trascorsa dia la mano alla notte. Immagino l’aria frizzantina che si deposita dolcemente sull’asfalto infuocato.

Punto lo sguardo al cielo e mi si illumina il viso. Sono poche le cose che mi rendono felice? O meglio, basta poco al raggiungimento della serenità?

Questo il primo pensiero che corre nella mente.

Mi perdo nelle costellazioni che dipingono il buio di questa magnifica notte dell’estate. Finalmente ho imparato ad apprezzarne il silenzio, l’aria calda, purificandola da ogni traccia di dolore passato. E, come sempre accade, rimane solo la parte più bella.

Tendo la mano nella speranza che, indietro, torni a me un gesto di affetto a riempire questo vuoto che si fa strada a soffocare. Stanca come un tempo, affaticata e senza molta più energia si riaccende all’improvviso una scintilla. La prima per quest’anno, spero ce ne siano altre nel corso dell’intera vita, ad illuminare i momenti più difficili, quelli che, una volta oltrepassati, finiscono per accumularsi nel cassetto dei dispiaceri.

Ci sarai sempre con me? Non mi abbandonerai?

Guarda il cielo questa notte, alza lo sguardo e proiettalo nell’immensità di questa mappa che, illuminata dallo splendore della luna arancio, brilla di grandi desideri inespressi e da realizzare.

Usciamo lentamente tenendoci per mano. Con tutto l’entusiasmo della scoperta sollevo un braccio al cielo invitando a guardare. Traboccano emozioni da ogni poro, sopra i tetti della città addormentata, sulle strade assopite da un tenero sonno, fra le luci scoppiettanti a risvegliare.

Uno sciame di puntini luminosi si intravede attraverso la magia delle bolle. Un soffio delicato, un brivido di freddo.

La prima ... per quest’anno la prima dell’estate.

Buona estate a tutti, Fernanda

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Il profumo nell’aria.
Lo steccato.
I puntini sulle i !
Il modo di stare al mondo.
Non riusciva a vedere la luna...
L’inizio.
L’oggettivitÓ dell’Amore.
Una immagine sfuocata.
L’archivio delle cose non dette.
Il tempo che passa volando.
Vivere.
Sogni...
Giorni.
Sulla pista di decollo...
La possibilitÓ di scegliere.
Note di tenerezza.
All’improvviso...
Due punti al posto di una virgola.
La costruzione.
Fra uomini.
DELLO STESSO AUTORE
Sfumature.
Sogni...
Non so se...
L’odore della pioggia d’estate.
Il rumore del mare...
La punta dell’iceberg.
Il profumo di un laboratorio.
Una bicicletta da cross.
Fra uomini.
Ricomincio da tre...
La necessitÓ di comunicare agli altri, con gli altri...
La vita non si pu˛ immaginare, la si deve vivere!
Gap.
Un pianto dignitoso.
La violenza della morte.
Con un velo di tristezza...
Quel che resta...
Il novanta per cento.
Adesso, Ŕ tardi...
╚ solo una carezza.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione