HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il valore dell’Introspezione...
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it ) e di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

23 marzo 2019


Quella riportata nell'immagine di presentazione dell'editoriale si chiama "Amore" ed è stata Creata da Alexandr Milov, artista ucraino. Questa interessante scultura, rappresenta l'evento più frequente fra due persone che cercano di parlarsi: il conflitto di relazione che, se proprio vogliamo, è un espressione interiore della natura umana. Il “darsi le spalle”, infatti, spesso non significa rifiuto, in assoluto ma, semmai, l'impotenza di saper chiedere aiuto. Quindi, lontani di fatto ma alla disperata ricerca, sul piano interiore, laddove il bambino che è in noi, prova a farsi sentire! Cari Lettori, uno dei rischi maggiori che si possa correre è quello di procedere, nelle proprie giornate, lasciando che gli eventi del quotidiano, si depositino, un po' alla volta, su motivazioni e obiettivi, così come la polvere sui mobili pregiati, rendendoli opachi e spenti. Probabilmente, simili scelte inconsapevoli (che portano ad invecchiare, dentro, un po' alla volta) sono dettate da quanto sosteneva Oscar Wilde: "Un sognatore è colui che osserva la propria strada al chiaro di luna ed ha, come punizione, quella di scorgere l'alba prima del resto del mondo". In pratica, chi vuole andare "oltre" il recinto che trattiene il "gregge", finisce col rendersi conto del fatto che quello che riteneva essere vero, spesso, è ben lungi dal poter essere considerato tale. Un po' quello che accade quando, dopo una magnifica nevicata... PER LEGGERE TUTTO IL TESTO, CLICCARE SUL TITOLO




...un po’ alla volta la coltre candida lascia il posto allo strato che mostra il dolce e l’amaro, l’erba e la sterpaglia, il bello e il brutto: l’andirivieni della vita. O, se volete, la sensazione che proviamo nel momento in cui, armati di cucchiaino (o forchettina), al riparo da occhi indiscreti, ci avviciniamo "vogliosi" verso una torta ricoperta di croccante cioccolato e profumata panna montata, per poi scoprire un ripieno tutt’altro che appetitoso.

John Fitzgerald Kennedy, sosteneva che siamo legati all’oceano. E, quando torniamo al mare, sia per navigarci che per guardarlo, finiamo lý, da dove siamo venuti...

Bene

Il nostro oceano rientra nell’inconsapevole e, conseguentemente, nel valore dell’introspezione.

A questo punto, cari lettori, una domanda: avete mai provato ad andare a ritroso con la memoria e ripercorrere, ognuno, le tappe della propria vita? E’ un’operazione interessante dal momento che si potrebbe esaminare la propria crescita alla luce delle varie esperienze che ci hanno visti protagonisti nel bene e nel male. E’ bello, ogni tanto, rituffarsi in un passato che, forse si vorrebbe come presente. Solitamente si è abituati a farlo nei momenti di sconforto, quasi a volerli esorcizzare, altre volte per recuperare un proprio spazio interiore troppo spesso violato da una quotidianità fatta di niente o di vacuo ma invadente, troppo invadente.

Però, a parer nostro, dovrebbe rappresentare un’abitudine, una sana abitudine tesa a verificarci in ogni momento della nostra vita vissuta, per proiettarci nel futuro consapevoli delle nostre capacità effettive. La filosofia "Zen" invita a rileggere con estrema attenzione e ciclicamente le "pagine della nostra memoria" per fare tesoro dell’esperienza accumulata. Spesso ci si lascia andare a frasi quali "Se potessi tornare indietro non lo rifarei". Poi, a ben vedere, trovandosi nella medesima situazione, si commette lo stesso sbaglio. Ecco, rivisitare l’enciclopedia della nostra vita, esaminandone tutte le voci, dovrebbe servire proprio a questo: ad evitare gli stessi errori così come a verificare la propria crescita, al fine di vivere il presente in modo...

...più sereno e prepararsi, così, ad affrontare il futuro con minori preoccupazioni e maggiori certezze. Uno degli strumenti indispensabili, per potere svolgere questa operazione è, senza ombra di dubbio, l’umiltà al pari della disponibilità al cambiamento e, quindi, della flessibilità bandendo ogni forma di rigidità.

Crediamo che, solo in questo modo, si possano comprendere i propri errori e rivedere le proprie posizioni rispetto alle esperienze vissute, per proiettarle nella soffocante quotidianità, dal momento che la vita di ognuno di noi, altro non è, se non "divenire nella novità della ciclicità".

Vivere è un po’ come navigare...

...puoi orientarti solo se hai delle buone carte nautiche. E le nostre carte sono rappresentate anche dai nostri ricordi, che possono essere le esperienze vissute il giorno prima e che contribuiscono a fronteggiare i marosi del giorno dopo.

Attraverso questa opera di rilettura del passato, anche prossimo, ci si può rendere conto di quanto si sia stati forti in alcune circostanze, affrontando senza problemi delle prove che, fino a qualche attimo prima, ci sembravano insormontabili.

Considerando con attenzione, rileggere se stessi, rappresenta una necessità per dare un peso ed uno spessore alle nostre esistenze, portandoci a verifica con coraggio e determinazione e per capire cosa si è e dove si vuole arrivare.

Rileggere se stessi...

...è anche riflessione nella meditazione, è respirare un profumo che ha segnato un momento importante, è rivivere un momento tenero della nostra infanzia, è godersi una carezza ricevuta, è riassaporare il primo bacio, rivivere una storia importante per rivedersi e correggersi; è ricolorarsi gli occhi con le tinte di un tramonto o di un prato sterminato, è riprovare sensazioni e umori, è viaggiare con le ali della fantasia ritornando nei posti dove siamo stati felici e con le persone che ci hanno resi tali, per rifugiarsi e rifiatare; è godersi un abbraccio nei momenti di sconforto, è riscaldarsi al calore di un affetto che è stato sincero nelle fredde sconfitte in cui sei irrimediabilmente solo (perché si sale solo sul carro dei vincitori).È cercare un sorriso capace di squarciare il velo della tristezza dovuta alla incapacità di essere capito e al dolore di essere facilmente giudicato e condannato, è riassaporare un dolce della nonna che non c’è più, è raccogliere le fragoline di un bosco incontaminato; è rivivere il confronto con i genitori rivedendoli giovani mentre invecchiano e cercando di non soffrire per questo, dicendogli grazie per quello che hanno saputo darci e per quello che riusciremo a dare, a nostra volta.

È la consapevolezza di dover essere "grandi" in un mondo di bimbi, è cercare la luce nel buio, è consapevolizzare che l’uomo nero non esiste e che le paure sono dentro noi stessi per cultura e apprendimento; è perdonare ed essere perdonati, è capire che odio e rancore rappresentano uno spreco di energie che potremmo impiegare diversamente e meglio, per crescere più in fretta; è rendersi conto che piangersi addosso è una scusa per nascondere le nostre difficoltà operative, è capire che la solitudine è un momento di riflessione da non vivere come abbandono.

È capire che la vita è mediazione e che la guerra logora le nostre esistenze, è considerare che il monologo non sortisce gli effetti del dialogo sia pure dialettico.

Guardarsi dentro, non è solo tutto questo ma molto di più. Allora, perché non farlo?

 

Mariano Marchese (Avvocato, Counselor) - Presidente Assocultura Cosenza

Giorgio Marchese (Medico Psicoterapeuta, Counselor) - Direttore "La Strad@" (30 settembre 2015)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La casa del Cuore...
Quello che pi¨ conta (Autonomi dal Destino?)
Il confetto e il maiale.
LibertÓ va cercando ch’Ŕ sý cara...
Macchinisti, nella Vita (o semplici passeggeri?)
A pugni chiusi (Se questo Ŕ un Uomo...)
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti - La deflorazione.
SOS ALZHEIMER e Counseling solidale.
Il Rispetto....
Il buono, il brutto e il cattivo.
La vera SolidarietÓ.
L’importanza di ridimensionare l’attaccamento ai beni materiali.
Ossessioni e dispercezioni.
Alfa 146 1.9 JTD 200 CV.
Tessuto Nervoso.
Il Pensiero e la coscienza di sÚ.
Sua maestà... l’emozione!
Il senso della vita. L’autoaffermazione.
Macchinisti, nella Vita (o semplici passeggeri?)
La biochimica delle emozioni.
Vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione.
Vai, Valentina!
I presuntuosi e i percorsi di vita...
L’Ansia e la paura.
La malinconia positiva.
La Mente e i tumori.
Macchinisti, nella Vita (o semplici passeggeri?)
I presuntuosi e i percorsi di vita...
Ah, scellerati!
Autunno ed immigrazione
Punti di vista?
Caino e Abele.
Ŕ difficile mentire a se stessi... quando si Ŕ soli con se stessi!
Pensare...
Tempi moderni...
Un Santo in Calabria?
Ah...Trenitalia!
Professori di musica!
Non c’Ŕ pace fra gli ulivi!
Election Day.
Niente di nuovo...sotto il sole del Sud!
Quando a morire Ŕ il sistema...
A Sud del Sud...
La politica e la ricerca della felicitÓ...
Addio, bandiere blu!
Come vorrei tornare bambino!
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione