HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Violenza spicciola, che fa male...
di Vincenzo Andraous  ( vincenzo.andraous@cdg.it )

25 agosto 2012






Occorre ritornare all'educazione delle buone maniere.


 

 E’ un periodo costellato di episodi di violenza spicciola che imbratta le strade e le coscienze, lasciando dietro sé tracce evidenti di indifferenza e un po’ di paura, come a dire che queste cose accadono solo ai "fuori di testa".

Accadimenti che vedono primi protagonisti i più giovani, quelli che davvero sognano di fare le cose per bene, ma spesso si imbucano alla via più breve, che arreca danno e sofferenze.

Nelle vie dello struscio le dita non sono più intrecciate ad altre più minute, non corrono più al viso della propria bella, sono diventate mani strette a pugno, afferrano i bastoni, i caschi, le bottiglie, colpiscono presentando il conto a qualcuno, non soltanto al malcapitato di turno.

I giovani e la violenza, non è uno spettacolo teatrale: quando alla fronte imperlata di sudore della paura s’aggiunge il sapore acre del sangue, non c’è più tempo per disquisire su ulteriori rimandi, diviene l’unico spazio che rimane per trovare la risposta che manca e perpetua il massacro.

Parlando con un ragazzino, uno di quelli che cammina buttando i piedi di lato, che sembra costantemente in procinto di cadere, ho avuto l’impressione di avere di fronte un piccolo terrorista della parola che fa rumore, una tempesta di parole scagliate senza prendere la mira, nel mucchio, per fare breccia in quel muro invisibile eretto intorno, da chissà chi e da chissà cosa. Un muro altissimo che sebbene non c’è, appare insormontabile.

Un ragazzino come ce ne sono tanti, con le tasche vuote di tempo per giocare, per studiare, per parlare con il mondo, sprovvisto della curiosità di conoscere i colori, i sapori, le differenze che insegnano a vivere insieme, e non contro per forza.

"Io non faccio niente di male, una canna non è niente di che, un bicchiere in più neppure, e qualche calcio nel sedere non ha mai ucciso nessuno".

Dentro queste parole la contraddizione più inconsapevole, che però non ammette ignoranza, non concede riparo quando accade l’incidente improvviso, l’impatto terribile con l’ostacolo inaspettato, allora si rimane lì con l’odore del ferro bruciato alle narici, agli occhi, al cuore che fa fatica a vivere ancora.

Un giovanissimo sbilanciato sulla puntata da collocare, tra i colpi di fortuna e le imprecazioni per l’attesa che non sopporta il tempo di cui si nutre, una competizione perennemente distorta, che dovrebbe aiutare a crescere, ma diventa pura violenza svestita di ogni utilità, e ubriaca di sofferenza da elargire a breve termine.

Giovani affidati alla disattenzione del messaggio mediatico che premia quello che sgomita al mento, mentre la giustizia rimane a guardare i dis-valori che divengono traguardi da raggiungere a tutti i costi, l’arroganza filtra dalle relazioni, dalle convivenze, è un modo di agire la vita disconoscendo la forma più alta dell’educazione, quel rispetto che dovrebbe unire se stessi agli altri.

La violenza non è mai da prendere sottogamba, come dice qualcuno: i cretini vanno stanati con ferocia, ripresi nel loro linguaggio, comportamento, stile di vita violento.

Occorre ritornare all’educazione delle buone maniere, ogni giorno che ci aspetta, che ci invita a costruire buona vita, infatti solamente attraverso l’educazione si realizza la persona e con essa la collettività.

 

Vincenzo Androus - Counselor, Tutor Comunità "Casa del Giovane" Pavia

 

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Giovane.
Alle cosiddette persone civili...
Famiglia... Scuola...
NO DROGA... NO PARTY!
Morti...
La paura...
Aspiranti professionisti dell’ultima meta.
E’ uno di quei giorni...
Libertą che non ritorna...
Spari...
Bambini colpevoli...
Brigate Rosse e amnesie generazionali.
Pił infantilizzati di quando sono entrati.
Il falco dagli occhi lucidi.
No slot, no droga.
Domanda di Grazia a Gesł.
A difesa della dignitą personale.
EROI DI VERGOGNA
I bambini non si toccano... mai!
Droga...
DELLO STESSO AUTORE
Sono cose che possono accadere!
Un essere vivente davvero speciale.
Libertą va cercando ch’č sģ cara...
Sul carcere e sulla pena...
Alle nove del mattino.
Crimini e Minori.
Era uno di quelli...
Natale...
Buona vita anche a te...
Sepolcri imbiancati.
Grida che non sempre riusciamo a cogliere.
Maschere teatralmente scomposte.
Il tirapugni del bullo.
Droga...
Piove...
La casa del Cuore...
Un video per un mondo di pace
La gratitudine: un’ispirazione provvidenziale.
Una difficile realtą.
Brigate Rosse e dinosauri.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione