HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Uso aree condominiali.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

10 agosto 2012



Parcheggio abusivo di auto nel cortile condominiale.



L’utilizzazione dell’area cortilizia è frequente causa di discussioni e contrasti fra condomini quando né il regolamento condominiale, né una delibera dell’assemblea dei condomini ne abbiano regolamentato l’uso.


In mancanza di specifica disciplina, il parcheggio negli spazi del cortile condominiale è da ritenere lecito alle condizioni di cui all’art.1102 codice civile, che così dispone: <<Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa. Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.>> Ciò vuol dire che l’utilizzazione della cosa comune da parte del singolo condomino è consentita purché non modifichi la destinazione della cosa comune e rispetti le concorrenti utilizzazioni, attuali o potenziali, da parte degli altri condomini.


Con riferimento al parcheggio-auto nel cortile, la giurisprudenza ha avuto modo di chiarire che è illegittimo lasciare l’auto parcheggiata in cortile per lungo tempo impedendo agli altri condomini di parcheggiare a loro volta. Mantenere ferma per lunghi periodi di tempo la propria autovettura sottende “l’intenzione di possedere il bene in maniera esclusiva, trattandosi di occupazione stabile di uno spazio comune;...detta condotta ha costituito una sorta di abuso, impedendo agli altri condomini di partecipare all’utilizzo dello spazio comune, ostacolandone il libero e pacifico godimento ed alterando l’equilibrio tra le concorrenti ed analoghe facoltà; ....il comportamento posto in essere da XX non può essere ricompreso nelle facoltà concesse al comproprietario ai sensi dell’art. 1102 cod. civ., perché tale uso non può alterare la destinazione del bene comune e non può impedire agli altri partecipanti di fare parimenti uso della stessa cosa” (Corte di Cassazione, sentenza n. 3640/2004).




Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Delibera condominiale di installazione ascensore.
Danni derivanti da difetto di impermeabilizzazione del lastrico solare.
Criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Può, il costruttore, nominare l’amministratore?
Spese per compensi dell’amministratore condominiale.
Infiltrazioni e allagamenti in condominio
Elezione dell’amministratore condominiale.
Spese condominiali controverse.
Manutenzione straordinaria cortile condominiale.
Revoca dell’amministratore di condominio.
Avvisi condominiali e privacy.
Penali a carico dei condomini morosi.
Azioni giudiziarie condominio.
Polizza d’assicurazione del condominio.
Danni causati da beni condominiali a terzi.
Il distacco dall’impianto di riscaldamento centralizzato
Vendita di unità immobiliare e spese condominiali.
Notifica di atti indirizzati al condominio.
Ripartizione spese condominiali.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinità e famiglia di fatto
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali-Persone con disabilità e parcheggio in area condominiale.
Separazione per volontà unilaterale.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Crollo dell’edificio e responsabilità dell’amministratore
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Comodato di immobile adibito ad abitazione.
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Quesiti legali-Quando il portone condominiale è rotto...
Quesiti legali-Separazione, divorzio e diritti successori.
Quesiti legali - Separazione e voltura contratto di locazione
Diritto di antenna e condominio.
Scambio di messaggi romantici via Internet ed infedeltà coniugale.
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Quesiti legali- Matrimonio del minore d’età.
Separazione, aborto e consultori familiari
Chi paga i danni cagionati da un minore?
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Multe per violazione del codice stradale e ricorsi.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione