HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il Ĺ56.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

20 giugno 2012






Quando saremo pronti per volare?


Pensieri degli anni difficili

Vorrei poter tornare indietro quest’oggi, ai primi giorni di caldo dopo la chiusura della scuola, alle mattinate sui balconi all’ombra a giocare con l’acqua per respirare la freschezza, ai vestitini estivi da usare solo in casa. Vorrei poter sentire sulla pelle la carezza un pò severa di mia madre, quando sistemava i miei capelli in due codine strette strette, da fare male. Vorrei poter sentire il profumo del quartiere, le voci della gente per le scale, i bambini da raggiungere. Il raggio di sole lentamente arrivava fino a noi costringendoci a rientrare in casa.

Ti ricordi la frescura? Ti sdraiavi a terra a giocare e a sentire l’ombra del pavimento? Da terra la prospettiva cambiava moltissimo e, anche se eravamo piccoli piccoli, ci sentivamo enormi.

Bussano alla porta, sono le due passate. E’ tornato, accaldato e stanchissimo, ma col suo solito sorriso bonario, che mai mi abbandonerà.

Talvolta mi prende la paura, la paura di restare da sola.

Il percorso dell’anima.

Arrendersi non significa non voler reagire più, solo accettare che, a volte, è bene non resistere. Il tutto fluirà con facilità e senza grossi restringimenti; la strada, comunque non visibile fino in fondo, apparirà meno tortuosa e priva di ciottoli.

Qualcuno mi chiama, anche se nessuna voce arriva a me. E, come avessi un appuntamento da dover rispettare, seguo l’istinto e il richiamo della Natura che mi conduce dritta alle origini.

Un pò di più.

Niente di più.

Guardo dentro i ricordi, respiro aria di spensieratezza e libertà. Tanto è cambiato. Ci siamo sforzati di modificare avanzando per poter vivere meglio, senza grosse ansie e paure e poi ci perdiamo alla ricerca di quello che non c’è più.

Estate profumata, ogni giorno diverso dall’altro anche se scandito dalle abitudini che contraddistinguono il mondo dell’infanzia.

Noi, che apparteniamo alle domeniche senza macchine, di palloni e biciclette, di pattini su quattro ruote, di stelle infinite da sbirciare di nascosto nel silenzio delle calde notti, quando i grandi già dormivano mentre noi ancora in giro.

Ti piacerebbe poter rivivere anche solo per un istante? Una carica per andare avanti in questo difficile momento.

Un sorriso da accarezzare, una mano da stringere, un abbraccio da trattenere.

Strano questo pomeriggio, mi sento sospesa, come se avessi delle parole da donare, un appuntamento cui non mancare, una lacrima da lasciare andare.

Quando saremo pronti per volare? Troppo forte, questa notte è troppo forte il malinconico ricordo.

Ritorno a me, ripenso a noi a quello che è stato, a come cambierà, a quello che resterà. Sorrido, abbassando lo sguardo, ricordo bene il giorno in cui presi per mano le mie difficoltà e avanzai a fatica. Un grande sforzo, poche lacrime trattenute che lasciavano presagire un futuro già definito. È tutto lì, nel dolore del non voler abbandonare.

Il calore del pomeriggio filtrava attraverso le finestre abbassate sui pensieri dei più grandi, sui giochi di noi bambini che, forti della nostra energia, si resisteva a qualsiasi momento di stanchezza. Un silenzio fatato si diffondeva in tutta la casa, in bilico fra il desiderio di esplodere e quello di mantenere la quiete.

Vita.

Appena appena. Il prato dei giochi attendeva impaziente, dopo aver assorbito ogni raggio e pronto poi a restituirlo. Un quadrato bianco nel centro della grande piazza, un immenso girotondo da legare mano nella mano decine di piccoli, desiderosi di ruotare cantando a voce alta, liberi di muoversi, felici di conoscersi. Qualcuno sfuggiva impaziente, il più vivace, senza regole, alla fine quello che più di tutti aveva bisogno di aggrapparsi alla mano.

Il suono della campane, un altro momento.

Mi allontano per un istante. Dall’esterno mi osservo e vedo anche quello che non è visibile immediatamente. Lei è là sulla panchina dei ricordi, sicura di sé, come sempre bellissima nella giovinezza dei suoi anni. Sento il suo sguardo su di me, a rassicurarsi. Mi arriva dritta una carezza sulla guancia donata coi suoi occhi, senza le parole difficili da fare uscire, ma molto più densa e carica di sentimento. Momenti indimenticabili.

La luce del tramonto scende dietro gli alberi e piano piano si deposita sulla piazza ora non più gremita.

Lo aspettiamo tutte insieme, risaliamo allegramente. Ognuno porta con se la stanchezza di questa giornata vissuta intensamente e in semplicità.

Bello poter guardare nei ricordi...

Fernanda

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Alla luce di una Stella.
La fresca imprevedibilitÓ del futuro.
La fuga.
L’ansia di riempire la vita.
La risoluzione dei problemi.
La curiositÓ.
Caro Babbo Natale...
Il pregiudizio.
Il segreto della vita?
Perdutamente.
Sulla pista di decollo...
Un po’ della stessa strada...
Il prezzo della diversitÓ.
Una notte di un’estate speciale...
Da un altro punto di vista.
Lei.
La sofferenza nascosta.
Dietro i vetri.
Il modo di stare al mondo.
La vita segreta del calzino.
DELLO STESSO AUTORE
La linea di demarcazione.
Cadere...
Il momento.
A me.
La paura del desiderio di restare.
PerchÚ si dimentica.
Su me stessa.
Lo scudo.
Il piacere della conversazione.
Le scorciatoie emotive.
LibertÓ...
Lo slancio.
Le parole nel silenzio...
Il coltello nella piaga.
La forza in sé.
Per come sei.
Una strana malinconia.
Una scia fra le stelle...
Una serata di pensieri.
L’occhio del ciclone.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione