HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Di uguale importanza.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

3 febbraio 2012






L'infinitamente piccolo. Infinitamente importante.


 

Pensieri degli anni difficili

Sorprendente, come corpo e mente, legati fra loro in maniera indissolubile, possano temporaneamente scindersi, allentare i legami che ne definiscono i confini. L’ho già detto, un tempo.

Di uguale importanza. Come è possibile che due cose apparentemente distati, pur sistemate lungo lo stesso tragitto, ma in direzioni opposte, possano assumere lo stesso valore, lo stesso significato?

L’infinitamente piccolo. Infinitamente importante.

Mi lascio catturare, come una volta, dal tiepido pomeriggio, alla fine di una settimana di corse in risalita. Senza grosse complicazioni la cosa giusta si sistema al suo posto in maniera del tutto naturale, senza sforzo alcuno. A volte non è necessario trovare la posizione, affannarsi a che sia perfettamente calzante nel contesto, può essere che spontaneamente trovi la sua collocazione.

E se dovessero intervenire i rimorsi ed i rimpianti?

Faccio un giro, forse un po’ più lungo del solito in questo periodo della vita e mi ritrovo nello stesso punto. La sensazione che torna indietro non è di delusione però, anzi mi convinco che "di uguale importanza" è una regola che vale si, ma solo se si è disponibili mentalmente in termini di flessibilità. Concetto complicato da stendere!

Finalmente dopo mesi di ricerca riesco a sentire quella sensazione di accoglienza di cui ho bisogno, che ho immaginato potessi trascinare, trasportare come parte di me.

Cerco di trovare un equilibrio fra la necessità di prendere informazioni, senza dover aggiungere.

E scrivo. Lasciando che la penna divaghi sulle righe, prenda prepotentemente le parole dal di dentro e le trasferisca là sui fogli. Molte però le porte e le finestre aperte, forse creando confusione. Dipingo i concetti cercandone l’importanza e una volta trovata verifico l’uguaglianza.

I paragoni. Siamo mentalmente abituati come esseri umani, ad avere un riferimento, uno standard da seguire, forse per non perdere il filo, per avere una sicurezza in più cui uniformarsi.

Intravedo uno spicchio di luce abbagliante, si insinua nella penombra che ha avvolto in questi giorni la quotidianità, impedendone il naturale svolgimento.

Forte, l’essere umano. Pieno, di risorse da scoprire.

La chiarezza fornisce la soluzione alle troppe domande che affollano la mente, ma la strada per arrivare ad essa è lunga e piena di ostacoli da superare, di dubbi da risolvere e anche di nodi da sciogliere. Sfoglio velocemente le pagine bianche di primo mattino, quasi come se il silenzio della notte avesse suggerito un segno da interpretare, una indicazione.

Fra me e me sorrido, non riesco a convincermi dell’importanza di quel sogno e contemporaneamente cerco di svilirne il valore, riportando la freschezza delle immagini vicina alla nitidezza della realtà.

Vorrei poter rivedere il momento che ha segnato un grande passo...

Si dice che non è possibile rivivere due volte lo stesso istante e allora cerco di apprezzare più, vivere più intensamente, gustare fino in fondo sorseggiando lentamente.

Il tutto magicamente si risistema, ritorna l’armonia della realtà. Ma con la stessa intensità

sopraggiunge un istante di panico, partono diecimila reazioni incontrollabili, la mente inizia a viaggiare veloce e senza fermarsi e mi ritrovo punto e a capo.

Di uguale importanza. Quelli di prima e quelli di dopo si incontrano sulle due rive opposte di un ruscello d’acqua. Qualcuno un po’ più stanco, altri senza molte parole sorpresi dal divenire degli eventi, e poi, senza nemmeno troppo nascondersi, quelli che hanno già sbirciato il futuro. E, anche se solo per un momento, è bastato. Di fronte alla necessità di dover fare delle scelte. Sarebbe bello rimanere impassibili a guardare. Già sarebbe bello.

 

Fernanda

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Rileggo.
Lo spiraglio.
Due zingari...
Lo spiraglio.
La percezione.
La cosa pi¨ semplice.
No, questo no!
Come una favola.
Un amore grande.
I migliori anni.
Da vivere e da inventare.
La costruzione.
La risoluzione dei problemi.
Una vera relazione.
Qualcosa di naturalmente diverso.
Con sentimento.
La mediocritÓ.
La consapevolezza del giorno dopo.
La punta dell’iceberg.
Una bicicletta da cross.
DELLO STESSO AUTORE
Margherita.
Ascolta il tuo corpo.
La mappa stellare.
Lasciarsi andare...
Solo il cielo.
Il senso dell’abbandono.
Cosý come sono.
Una vera relazione.
Il contatto naturale col mondo.
Dalla finestra.
Alla fine, tutto torna.
Warrior gene.
Fra la sabbia bianca...
Una spugna inzuppata di sentimenti umani!
Dopo l’altro.
La fuga.
La Stanza delle Dinamiche.
L’importanza della vita.
Il rancore, la fragilitÓ, la poesia.
L’anima
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione