HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Patchwork.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

15 gennaio 2012






Il dovere, la certezza, la curiosità.


Pensieri degli anni difficili

Cè chi va e cè chi resta. In ultimo, righe che fanno da sfondo alla colonna sonora di un gran film, che tanto ha fatto riflettere. Molte le domande che ha esaurito, lasciando un bel po di amaro in bocca.

Lamaro in bocca. Lo si sente in verità nellanima e, stamane, sveglia dopo aver fatto un salto nel passato, quello che cerco inutilmente di trattenere, niente riesce ad addolcirlo.

Il dovere. Fai il tuo dovere. Strapazzata nel mare dellinquietudine, a fatica riesco a trovare la forza per sollevare il capo e provare a guardare in lontananza.

Rimango perplessa su questa parola. Il dovere. Risuona nella mia mente quasi a ricordare che, nonostante i fatti della vita cambiano le cose e anche le persone, il senso del dovere rimane lunica certezza.

Non riesco più a trovare il filo del discorso, a soddisfare la curiosità che nasce dallingegno, o forse meglio, a stimolare la mia curiosità che, molto semplicisticamente, si è assopita trascinandomi allinterno di un percorso circolare.

Il dovere, la certezza, la curiosità.

Legocentrismo. Sorprendente come, a volte, pensiamo che le nostre più grandi debolezze rappresentano una manifestazione della personalità bisognosa di "incoraggiamento" ed invece si collocano fra le convinzioni proprie dellessere umano del volersi trovare al centro. Il passo, dallegocentrismo al vittimismo, è breve, corto, talmente corto che si rischia di rimanere nel mezzo di se stessi senza riuscire a vedere immediatamente dopo, sentendo solo ed esclusivamente il lamento della propria voce.

Resto sola. Nel silenzio amplificato dallo scandire dei battiti del cuore. Sempre più spesso ormai ne cerco la presenza. Paura? Nessuna di questa solitudine che, caldamente, avvolge ingabbiandomi allinterno di me stessa e con la certezza che lequilibrio, inteso come raggiungimento della pace, va cercato dentro e non fuori. Può essere nellassenza di rumori, fra le righe buttate velocemente sulle pagine bianche ansiose di essere riempite, nella ricerca dei profumi legati ai bei ricordi.

Chiudo gli occhi ed in un sol istante trascorre tanto tempo.

Mi piace vivere del momento, la previsione non fa parte delle cose che mi appartengono, ma, sempre più spesso, mi accorgo ormai, che non è possibile attraversare una strada senza guardarsi bene intorno, senza dover prevedere da quale parte arriverà quella folata di vento, a far si che non mi trovi impreparata o scoperta.

Quellinquietudine che ci prende di riempire la vita! Non è una corsa a voler soddisfare unesigenza, una serie di esigenze, ma una necessità propria di alcuni che va appagata. Non importa dove si trovano le motivazioni per arrivare, limportante è averle, non permettere a nessuno di spegnerle.

Quanto tempo che è passato! Uno, due, tre, quattro o più anni, non lo ricordo, ne ho perso il conto. Le cose cambiano, cambiano le persone, cambiano i momenti. Vivo un istante, anche con difficoltà e subito dopo ne sento immediatamente la mancanza. Comè possibile avere nostalgia di un periodo di intensa solitudine?

"Non si può tornare indietro, ma solo avanzare modificando."

La stima, la fiducia, il rispetto. Provo a trovare il collegamento fra le tre, ma il legame è talmente forte che difficilmente si traduce con le parole.

Addormentata di un sonno intenso ricevo in dono un sogno bellissimo, articolato e denso di significati. In un sacchetto depositato sulla riva di ghiaia di un fresco corso dacqua, il passato, lasciato lì ad attendere, per essere svelato e trasmesso dolcemente. Una corsa in due, ci ritroviamo, uno scambio di sguardi senza bisogno delle parole, avanziamo insieme mano nella mano. E là, dove la vita ha deciso di manifestarsi nelle sue tante sfaccettature, si separiamo. Un po con dispiacere. Ad ognuno il suo patchwork, colorato nei tanti pezzi che lo compongono, sempre in crescita e mai finito, arricchito di momenti da legare, mutabile nella forma, caldo ad avvolgere.

Fernanda

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Ci˛ che passa per la testa.
Lo scudo.
Stasera...
La consapevolezza.
Il rispetto.
Il Ĺ56.
La grande paura.
Regali...
Gap.
Frammenti di viaggio.
Il rancore, la fragilitÓ, la poesia.
Il dolore della rassegnazione.
Il potere della suggestione.
Il novanta per cento.
Da un altro punto di vista.
L’allegria.
Il caro amico punto.
Un battito di ciglia.
Due zingari...
Quel che resta...
DELLO STESSO AUTORE
L’anima delle cellule.
La linea di demarcazione.
╚ sempre con me.
Microglia ed infrasuoni.
La corteccia.
E forse un giorno...
Voglio cambiare colore e penna!
Un po’ di fiducia.
Il viso nella pioggia.
Note di tenerezza.
Il contatto naturale col mondo.
La passione.
La poesia nella luna.
Sentimenti.
Per paura di sciuparlo.
Tracce mnemoniche.
Pi¨.
Vivere.
Schizofrenia e autismo.
Fotografie.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione