HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il suo tempo.
di Fernanda Annesi  ( fernanda_65@yahoo.it )

10 dicembre 2011






Mi addormento. Forse non dovrei.


Pensieri degli anni difficili

Mi addormento. Forse non dovrei. Le energie impiegate nella realizzazione del momento assorbono ogni altro respiro vitale e, a fatica, trovo la forza di sollevarmi al di sopra delle onde, che, ancora una volta, davanti a me, impediscono di vedere la riva, lontana.

Un’altra storia.

Ti prenderà, anche se non lo avevi previsto; non ci crederai, anche se impossibile non vederla; crescerà, senza alcuna possibilità di poterla riportare indietro.

Il suo tempo, a ciascuno il suo tempo. Lo ripeto in me ma non riesco a trovare una valida spiegazione, se non che nella paura di non poter tornare indietro, definendo l’irreversibilità delle cose, nelle cose.

Chissà cosa è che determina questo timore crescente che inevitabilmente sfocia nell’ansia del non ritorno!

Un momento di grande tenerezza mi pervade nel silenzio degli ambienti a me familiari. Ore ed ore di parole inseguendo il tempo, cercando di fermarlo, assaporandone ogni istante profumato, ogni intreccio di sguardi e, anche se spesso la mente fugge probabilmente nel tentativo di distogliere, mi ritrovo sempre qui a guardare intensamente.

Quante domande...

Come è possibile aver vissuto fra le luci tenui e delicate dell’accoglienza, fra le braccia forti della protezione, avvolta in ogni cuore della notte quando il tormento prende il sopravvento, e poi averne timore, talmente tanto da... spesso rinunciare.

Nulla di non definito o indecifrabile, solo tempo.

Adoperando la capacità di poter riflettere ricomincio a correre sorridendo dopo un lungo periodo di stasi. Divoro velocità innalzandomi, tocco il celeste senza sforzo alcuno e ritrovo il piacere di me stessa.

C’è però qualcosa che sfugge al mio sentire. Uno sguardo celato dietro una parola apparentemente inutile, un sorriso trattenuto e nascosto da un pensiero che trasporta, consapevolmente, su di un altro percorso. Affino la mia capacità di attenzione e cerco di capire.

Fino a che punto? Fino a dove è consentito? E sarà giusto?

La verità. Ne siamo sempre alla ricerca, in corsa per cercare di afferrare e non dimenticare, spesso senza capirne il significato più profondo, anche se... alla fine, poi, si finisce per sciogliersi nell’intensità di un abbraccio, tanto da non poter fare più niente, se non che lasciar fluire il sentimento. E liberarlo.

Il sentimento. Turbine di emozioni in sussulto, imprevedibili nelle manifestazioni, infinite le forme e le modalità di trasmissione, impossibile bloccarle. Il loro nutrimento dal tempo.

Senza fretta. Provo, per una volta, a non correre, lasciando che il tempo, ricamato dall’attesa dello scandire dei minuti, dolcemente mi conduca alla fine del percorso.

Notte. Nel silenzio dell’ora tarda un flebile respiro di vento accompagna una mano, che ricorda. Ritrovo, fra le ore del tempo, la solitudine del freddo e mi lascio avvolgere nonostante. Un bagliore a suggerire. Un’altra cosa.

Nello squallore del grigiore, una luce rossa in lontananza, dall’alto del cielo a catturare la mia attenzione.

E siamo lì a parlare, separati ma guardandoci negli occhi, anche se... i miei incontrano la finestra che da su suggerisce la speranza del domani.

Ancora e sempre le solite stesse paure. Questa volta, però, avrò pur imparato di più, un’altra cosa?

Provo ad ascoltare la voce che dall’interno mi suggerisce, indica la luce dove posare lo sguardo, invitandomi ad andare fino in fondo. E, dalle parole di conforto, viene fuori il fantastico meccanismo della trasformazione delle cose. Non so se è dentro di noi oppure lo vogliamo vedere a tutti i costi, ma... potrebbe funzionare.

Ogni cosa il suo tempo. Inutile tentare di stringere per avanzare. Il suo tempo.

 

Fernanda

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Da domani.
Al posto suo.
Le parole nel silenzio...
Il profondo cratere (Che divide).
La vita segreta del calzino.
Quando si vorrebbe dare quello che non si pu˛!
Il prezzo della diversitÓ.
Parole...
L’altro lato.
L’illusione del silenzio.
Riflessi.
Vento.
Tutto al caso.
In un battito di ciglia.
Le risorse, dalle difficoltÓ.
Il contatto naturale col mondo.
Una strana malinconia.
Sulla lama del rasoio...
C’era una volta...
Un battito di ciglia.
DELLO STESSO AUTORE
Sfumature.
Sogni...
Non so se...
L’odore della pioggia d’estate.
Il rumore del mare...
La punta dell’iceberg.
Il profumo di un laboratorio.
Una bicicletta da cross.
Fra uomini.
Ricomincio da tre...
La necessitÓ di comunicare agli altri, con gli altri...
La vita non si pu˛ immaginare, la si deve vivere!
Gap.
Un pianto dignitoso.
La violenza della morte.
Con un velo di tristezza...
Quel che resta...
Il novanta per cento.
Adesso, Ŕ tardi...
╚ solo una carezza.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione